QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

In aumento gli utenti di bus e treni in Alto Adige. I dati Astat

venerdì, 18 agosto 2017

Bolzano – In crescita il trasporto pubblico in Alto Adige: aumentano gli utenti nel 2016 fra bus urbani, extraurbani e treno, buono il grado di soddisfazione. Dall’indagine multiscopo sulle famiglie del 2016, condotta dall’Istituto provinciale di statistica ASTAT in collaborazione con ISTAT, emerge come l’utilizzo di tutti i mezzi di trasporto pubblici in Alto Adige sia in crescita. Buoni anche i livelli di soddisfazione degli utenti, con un voto che si attesta fra il 7 e l’8, eccezion fatta per alcune lamentele riguardanti pulizia dei treni e tariffe degli autobus urbani.

Il treno, nel frattempo, prosegue la sua fase di recupero di gradimento rispetto agli autobus, che comunque restano i mezzi più utilizzati: nel 2016 i bus urbani hanno fatto registrare 226mila utenti, 150mila persone si sono spostate con i bus extraurbani, mentre il treno ha raggiunto quota 221mila utenti.

I dati relativi ai bus urbani registrano un balzo da 20mila a 35mila utenti quotidiani, ovvero coloro che usano questo mezzo ogni giorno, mentre coloro che si spostano con il treno più di una volta al mese sono balzati da 29mila a ben 72mila. L’automobile, in ogni caso, è ancora il mezzo più usato per recarsi al lavoro o a scuola, ma il dato si differenzia molto tra città e periferia. Nei grandi centri il 27% usa la macchina (media provinciale al 36%) un quarto la bicicletta e un altro quarto il bus.

Soddisfatto l’assessore Mussner dei dati ASTAT sul crescente uso della ferrovia come mezzo pubblico: “L’acquisto di altri treni migliorerà ancora il servizio”. Dello studio ASTAT su utilizzazione e grado di soddisfazione del trasporto pubblico l’assessore provinciale alla mobilità Florian Mussner (nella foto sotto) sottolinea in particolare il giudizio complessivamente positivo per i mezzi del servizio locale. “È la conferma che la nostra pianificazione a lungo termine porta ai risultati voluti, a convincere cioè i cittadini ad utilizzare il mezzo pubblico garantendo un’offerta interessante, sostenibile e efficiente”. È cresciuto soprattutto l’apprezzamento verso il servizio ferroviario, “anche perché la Provincia e i concessionari hanno investito in nuovi treni, in offerte convenienti, specie per studenti e anziani, e in un efficace cadenzamento delle corse”, aggiunge Mussner. Note positive dagli utenti, secondo l’ASTAT, anche per gli autobus urbani ed extraurbani, “un segnale che il piano generale della mobilità della Provincia funziona bene anche nelle aree urbane e in quelle rurali”, osserva l’assessore.

assessore bolzano mussner

Si continuerà a lavorare sulla pulizia dei treni, un punto che secondo la rilevazione ASTAT vede soddisfatto solo il 60% degli utenti. “Considerando che entro l’anno si completa la fornitura di 20 nuovi treni locali Flirt e Jazz, contiamo in un miglioramento della situazione e del grado di soddisfazione nei prossimi anni”, spiega Mussner. Significativo secondo l’assessore anche l’alto numero di coloro che scelgono la bicicletta o che vanno a piedi per gli spostamenti verso la scuola e il posto di lavoro.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136