QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Imu e Tasi: il Comune di Darfo agevola i pagamenti. Non ci saranno sanzioni fino al 16 luglio

martedì, 3 giugno 2014

Darfo  - Un quadro ancora difficile da comporre. La confusione a livello nazionale, con le scelte del governo che tardano ad arrivare, portano a reazioni da parte dei Comuni. Su IMU e  TASI il Comune di Darfo agevola i pagamenti. Niente sanzioni fino al 16 luglio. Le difficoltà generate dalla normativa in tema di IMU e Tasi non si limitano alla definizione dell’imposta, ma si spingono anche sul terreno degli strumenti di pagamento. Infatti, la legislazione che ha introdotto la Tasi, prevedeva l’invio al contribuente, da parte dei Comuni, del modello F24 già compilato. In considerazione, poi, delle diverse difficoltà applicative e in virtù del fatto che una parte di imposta è dovuta dagli inquilini, il legislatore ha orientato il dettato normativo verso l’autoliquidazione dell’imposta, così come previsto per l’IMU.

Quindi, allo stato attuale dei fatti, sia il pagamento di IMU che della Tasi prevede che sia il contribuente a dover procedere alla compilazione del modello F 24 da utilizzare per il pagamento. “Di fatto i contribuenti di Darfo negli anni trascorsi vi hanno provveduto, per la sola IMU, attraverso i Caaf, i propri commercialisti e, in un numero consistente, attraverso lo sportello IMU predisposto dal Comune –afferma Osvaldo Benedetti, Assessore al Bilancio della Città- Per questo il Comune ha istituito lo sportello IUC e nel contempo, pur non modificando la data di scadenza della prima rata prevista per legge al 16 giugno, ha disposto che non verranno addebitate sanzioni ed interessi ai versamenti eseguiti entro il 16 luglio 2014.”

“Abbiamo ritenuto conveniente supportare i cittadini sia attraverso l’istituzione dello sportello che prevenendo ulteriori aggravi nei confronti dei contribuenti, poiché siamo convinti che sia giusto per tutti i cittadini contribuire al bene comune, ma le persone devono essere messe in condizione di adempiere al loro dovere costituzionale –dichiara il sindaco, Ezio Mondini- Infatti, queste incertezze e ritardi dovuti alla norma, non sono certo imputabili né al Comune, né, tantomeno ai cittadini che non ne devono fare le spese”.
Per ottenere un miglior servizio è preferibile che i cittadini che ne abbiano la necessità fissino un appuntamento telefonando all’Ufficio Tributi al numero 0364 541230 – 0364 541235 dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 12.20 e dalle 16 alle 17.20.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136