Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Il Rugby Brescia organizza il doposcuola sportivo gratuito nel quartiere San Polo

lunedì, 23 settembre 2019

Brescia – In campo scende il doposcuola sportivo completamente gratuito. Oggi – lunedì 23 settembre – a San Polo il Rugby Brescia ha infatti organizzato una serie di attività pomeridiane riservate agli studenti all’interno degli spazi dell’impianto sportivo. La società odierna obbliga a ricercare soluzioni “parallele” alla scuola che siano in grado di riempire con stimoli di qualità il tempo dei ragazzi e consentano di avere figure di riferimento positive che concorrono alla formazione culturale ed umana. Per questo motivo il “Rugby Brescia” ha deciso di scendere in campo creando un doposcuola per i ragazzi dai 6 ai 14 anni.

“Il nostro progetto si basa sull’idea di legare il concetto di doposcuola con quello di sport – ha spiegato Ernesto Bruni Zani, presidente della società bresciana -. Proponiamo una realtà in cui i ragazzi possano fare i compiti, ma anche crescere e formarsi attraverso lo sport a diversi livelli di agonismo, spirito di squadra e divertimento sano sia per la mente che per il fisico”. Non solo. “Creeremo uno spazio in cui non solo i ragazzi, ma tutta la comunità potrà trovare momenti di aggregazione in cui sentirsi parte di un gruppo e rafforzare quella dimensione di comunità sociale che l’epoca moderna con la sua frenesia sta lentamente facendo perdere – ha proseguito il presidente del Rugby Brescia -. Da semplice sostegno scolastico il doposcuola si evolve e si potenzia, tramite il linguaggio sportivo che è da sempre portatore di valori quali collaborazione, conoscenza di se stessi e approccio sereno alla competizione, aprendosi, attraverso il rapporto con le nuove generazioni, ad un cambiamento della qualità di vita di tutta la comunità”. Il servizio prevede un momento di accoglienza, lo svolgimento dei compiti per casa e la pratica di attività sportive. In tutti questi momenti i ragazzi sono seguiti da personale qualificato, che si occupa di diversificare le attività adattandole alle diverse età dei partecipanti.

Il “Punto Compiti” verrà potenziato introducendo educatori sportivi qualificati che renderanno questa opportunità un rapporto di continuità fra scuola e tempo libero, fra saperi della scuola e saperi dell’extra-scuola. Una opportunità per integrare i processi di formazione della scuola con gli apprendimenti, altrettanto essenziali per la crescita, promossi dai diversi ambiti di socializzazione: famiglia e tempo libero. “I nostri obiettivi – ha commentato Luca Sainaghi vice Presidente – sono quelli di fornire un supporto didattico ed educativo attraverso il sostegno nello svolgimento dei compiti assegnati a scuola, offrire ai minori la possibilità di scoprire le proprie potenzialità incoraggiando i comportamenti positivi. Far acquisire attraverso lo sport le capacità di guidare il proprio comportamento vincendo paure e insicurezze, favorire l’integrazione e la socializzazione, anche multiculturale e infine stimolare l’aiuto fra pari, il reciproco rispetto, la collaborazione, il dialogo, l’impegno e la responsabilità, favorendo la crescita di una cultura della solidarietà e della collaborazione nella società”.

Numerose sono le realtà territoriali che supportano l’iniziativa ed in particolare le parrocchie e gli istituti primari e secondari di primo grado del quartiere San Polo e limitrofi come l’Istituto Comprensivo Statale Rinaldini Sud3 Brescia, l’Istituto Comprensivo Nord 1e 2 Brescia, la Scuola Secondaria di I° grado U. Foscolo, la Scuola Primaria 28 Maggio, la Scuola Primaria “Melzi”, l’Istituto Comprensivo Ovest 2 Brescia, la Scuola secondaria 1° grado J.F. Kennedy, la Suola secondaria di Primo Grado “E. De Filippo”, la Parrocchia Beato Luigi Palazzolo, e la Parrocchia S. Giovanni Bosco. Il progetto è realizzato in collaborazione con SPF Fundraising, sportello di finanziamento per le realtà sociali, al quale il Rugby Brescia si è affidato per la raccolta fondi, ed è diventato un punto di riferimento prima per il quartiere San Polo, e poi per tutta Brescia e provincia.

Per chi fosse interessato al doposcuola per la primaria chiamare il numero 3407993213, per la scuola secondaria chiamare il numero 3332710135.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136