QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Il ministero all’Ambiente ordina: “Catturate l’orsa Daniza”. Rossi a colloquio col ministro Galletti

mercoledì, 20 agosto 2014

Pinzolo – Un documento secco, stringato, che non lascia alcun dubbio. Il l Ministero dell’Ambiente è intervenuto sulla vicenda dell’orsa Daniza: “La sicurezza degli abitanti trentini  - si legge nel comunicato stampa – è una esigenza primaria che va tutelata, ma al contempo non va vanificata l’importante esperienza del programma di ripopolamento degli orsi in corso in trentino. L’orsa Daniza deve essere messa in condizione di non aggredire più gli uomini. La situazione è affrontata dalla Provincia di Trento secondo i protocolli e le normative vigenti che in casi come questo arrivano a prevedere la cattura ed il ricovero in un’area recintata, ma non l’abbattimento”.

In questi giorni – dopo l’aggressione al cercato di funghi a Pinzolo nella mattinata di ferragosto – èDaniza 1 - orsa proseguita la caccia delle guardie venatorie della Provincia di Trento e con sensori hanno individuato la vasta area dove si muove l’orsa Daniza e i suoi cuccioli.

La protesta sui social network sembra inarrestabile, e l’hashtag #iostocondaniza ha già raccolto 37mila consensi, mentre su Facebook sono già 15 mila i “Mi piace” contro la cattura dell’orsa disposta dalla Provincia Autonoma di Trento. Domani e sabato sono annunciate due proteste, una a Trento e sabato a Pinzolo. Lo schieramento di chi si oppone alla cattura si sta allargando anche oltre i confini nazionali.SUL CASO DANIZA

COLLOQUIO TELEFONICO TRA ROSSI E IL MINISTRO DELL’AMBIENTE

“Il progetto di reintroduzione dell’orso bruno non è in discussione, ma, come andiamo affermando da tempo, serve fissare un numero massimo nelle presenze del plantigrado al fine di renderle compatibili con il territorio, ormai fortemente antropizzato, oltre che con la vita, le attività e la tranquillità di residenti e turisti”. Questo il commento del presidente della Provincia autonoma di Trento Ugo Rossi alla nota del ministero dell’ambiente che, definendo prioritaria l’esigenza di garantire la sicurezza degli abitanti trentini, ha espresso l’auspicio che non sia messo in discussione il programma di ripopolamento.

Il presidente Rossi ha ulteriormente approfondito la questione e gli ultimi sviluppi della vicenda in un colloquio telefonico con il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti.  Il ministro – fa sapere Rossi – ha condiviso, anche alla luce della valutazione dell’Ispra, il contenuto dell’ordinanza che dispone la cattura dell’orsa Daniza, giudicando l’operato della Provincia garantista sia relativamente alle modalità di cattura sia al destino dei cuccioli, che saranno lasciati liberi.

Il presidente ha descritto al ministro anche la tipologia dell’area dove Daniza è destinata, il sito del Casteler, non una “gabbia” ma una vasta area naturale attrezzata dove già vive un altro plantigrado. Sia Rossi sia il ministro Galletti hanno inoltre condiviso la modalità per garantire la prosecuzione del progetto orso, progetto che già contiene al suo interno le regole e gli strumenti necessari a rendere compatibile la presenza della specie con i delicati equilibri che connotano il territorio e l’ambiente del Trentino. Per quanto riguarda il contingentamento della popolazione ursina, il numero massimo di orsi ritenuto compatibile e che potrebbe essere dunque ritenuto equilibrato rispetto alle “capacità” del territorio, Rossi comunica che ciò sarà oggetto di un prossimo incontro con il ministro.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136