QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

I 150 anni di storia dei pompieri in Trentino: la storia, il raduno, le dimostrazioni

venerdì, 19 settembre 2014

Trento – Il convegno, la mostra, il raduno, le dimostrazioni, la festa per i più piccoli. “Pompieri del Trentino, 150 anni di storia”, in programma  il 20 e 21 settembre. La città di Trento ospiterà la manifestazione “Pompieri del Trentino, 150 anni di storia”. Si tratta di un evento che celebra una lunga storia fatta di impegno in favore della comunità, di disponibilità, di professionalità, di evoluzione dei mezzi e delle tecniche impiegate nella difesa della popolazione. Sarà soprattutto una festa aperta a tutta la popolazione, con molte occasioni per stare assieme e qualche momento di ufficialità o dedicato agli specialisti del settore. Si presenterà soprattutto l’occasione per conoscere meglio una parte importante del sistema trentino della Protezione civile, con i suoi professionisti e con i suoi volontari.(Nella foto la presentazione in Provincia a Trento).

L’EVENTOpompieri in festa

Il programma prevede numerosi appuntamenti: la sfilata per le vie del centro, un convegno scientifico per approfondire alcuni dei temi più attuali nell’ambito dell’attività pompieristica, una mostra che raccoglie significative testimonianze di un’esperienza unica nel suo genere, simulazioni di interventi e spazi per il divertimento dei più piccoli. La manifestazione è stata presentata questa mattina nel palazzo della Provincia.
“La famiglia della protezione civile trentina – ha sottolineato l’assessore provinciale alla protezione civile, Tiziano Mellarini – rappresenta bene l’essenza della nostra autonomia. E’ una realtà in continua crescita anche grazie all’apporto di numerosissimi giovani che ne accrescono costantemente le fila, interpretandone i valori. La nostra vera forza, e possiamo dimostrarlo alla nostra popolazione ma anche alla nazione, è nel volontariato. In questi due giorni assisteremo a dimostrazioni che proveranno ancora una volta le qualità tecniche dei nostri vigili del fuoco; sia permanenti che volontari, che ancora una volta collaboreranno con entusiasmo. In quella che sarà soprattutto una grande festa per tutta la popolazione vedremo ribadito il fatto che il Trentino è una terra che ha solidi valori di appartenenza che si basano sull’impegno civico”.

 I VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI 

La realtà pompieristica trentina vede la presenza, come componente volontaria, di circa 5500 vigili del fuoco in servizio attivo, di circa 1250 allievi e 1000 vigili del fuoco di complemento o onorari. La loro organizzazione comprende 13 Distretti e 237 Corpi. Il Servizio Antincendi e Protezione civile della Provincia autonoma di Trento conta invece su circa 250 persone di cui circa 160 appartenenti al Corpo permanente dei Vigili del Fuoco.

Il saluto del Comune di Trento, città ospitante, è stato portato dall’assessore al lavori pubblici Italo Gilmozzi. “Il ruolo dei vigili del fuoco – ha detto – è spesso dato per scontato, senza pensare a quanto rischiano quelli che operano per la nostra sicurezza. Questa manifestazione è quindi un’opportunità per la città per conoscere da vicino un mondo. Ci sarà l’approfondimento tecnico ma soprattutto una festa per giovani e per meno giovani”.

Il comandante del Corpo permanente Stefano de Vigili ha illustrato nel dettaglio il programma della due giorni evidenziando che la manifestazione è stata “proposta dell’Associazione dei vigili del Fuoco in collaborazione col Corpo permanente di Trento e con i vigili del Fuoco volontari del Trentino”.

Roberto Dalmonego ha portato il saluto della Federazione dei Corpi dei Vigili del Fuoco Volontari della Provincia autonoma di Trento. Nicola Salvati, dell’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco del Corpo nazionale – Sezione di Trento, ha evidenziato che la popolazione avrà l’occasione per vedere da vicino chi in tanti anni e in tante occasioni si è speso per la sicurezza di tutti.

Vediamo più da vicino il programma.
Il giorno 20 settembre, a partire dalle ore 9.00, presso la sala della Facoltà di lettere e filosofia di via T. Gar, a Trento, si terrà un convegno in materia di “prevenzione incendi” dedicato ai tecnici del settore, ad entrata libera fino ad esaurimento posti. Sabato 20 e domenica 21 settembre, dalle ore 9.00 alle ore 19.00, presso il Muse e il rione delle Albere è stata allestita un’esposizione di documenti, cimeli e mezzi storici.

Nel prato a nord del Muse, è prevista un’area riservata a “Pompieropoli”, ovvero un complesso di attrezzature per prove di abilità pompieristica dedicata ai ragazzi.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136