QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Goletta dei Laghi: sul Sebino cresce l’inquinamento. I dati della campagna 2016

venerdì, 1 luglio 2016

Pisogne – Torna la “Goletta dei laghi” e sul Sebino – dove è aperta fino a domenica 3 luglio la passerella di Christo – sono stati effettuati i primi controlli. Sono ben 8 i punti monitorati dalla Goletta dei Laghi di Legambiente, 3 sono risultati inquinati e 5 fortemente inquinati. Tra i punti critici, dove non ci si potrebbe tuffare, ci sono il torrente Rino a Tavernola, la foce del Borlezza a Castro, del fiume Oglio e il canale a Costa Volpino. Un elevato livello di inquinamento sarebbe stato rilevato anche a Provaglio dopo le analisi alle Torbiere di Iseo. Inquinati da batteri fecali anche i campioni prelevati presso il torrente Bagnadore nel comune di Marone e la foce del torrente Calchere nel comune di Sulzano, ma anche presso l’Arsena di Pisogne e Peschiera a Montisola. I dati sono stati snocciolati dagli esperti e da Dario Balotta di Legambiente.

I risultati della campagna di monotraggio della qualità delle acque del lago d’Iseo, svolta in questi giorni in collaborazione con il Consorzio Obbligatorio Olii esausti e Novamont, mostrano una qualità delle acque alquanto difficile. Una campagna da 11 anni attraversa l’Italia per monitorare lo stato di salute delle acque e che quest’anno è partita proprio dal Sebino. I punti dove prelevare campioni di acqua da analizzare, sono stati scelti anche sulla base delle segnalazioni dei cittadini tramite SOS Goletta. L’attenzione alle foci dei fiumi, torrenti, scarichi e piccoli canali. L’indagine microbiologica, che non vuole sostituirsi a quelle ufficiali ma che vuole essere di stimolo e aiuto, dice che tutti i punti indagati risultano inquinati ma in alcuni casi addirittura fortemente inquinati. Si parla di contaminazione batterica delle acque dovuta soprattutto alla scarsa depurazione degli scarichi civili che confluiscono nel lago. Una situazione non nuova, visto che la Commissione Europea ha sottoposto la Lombardia a 114 procedure d’infrazione per il mancato rispetto delle direttive per il trattamento delle acque reflue urbane.

Goletta dei laghi 1


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136