QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Gli amministratori devono essere retribuiti. La Corte Costituzionale dà ragione alla Provincia di Trento

venerdì, 22 novembre 2013

Malè – Chi ha cariche istituzionali deve essere retribuito e non è necessario che lavori gratis. Il pronunciamento è della Corte costituzionale, che ha accolto un ricorso della Provincia di Trento contro una norma statale del 2012. La sentenza è la n. 263, depositata il 13 novembre scorso, con cui la Consulta ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’articolo 69 del decreto legge n. 83 del 2012, convertito dalla legge n. 134 del 2012, relativamente alla previsione (comma 3-bis), che stabiliva che gli incarichi conferiti all’interno delle comunità di valle siano svolti a titolo esclusivamente onorifico. In altre parole non ci dovevano essere remunerazioni, indennità o gettone di presenza.

elezioni

IL PRONUNCIAMENTO

Secondo la Corte costituzionale la norma censurata non è rispettosa delle forme di concertazione previste dall’articolo 79 dello Statuto speciale, in base al quale lo Stato concorda con la Provincia gli obblighi relativi al patto di stabilità interno. Spetta poi al legislatore provinciale individuare, nel rispetto del perseguimento dell’obiettivo del contenimento delle spese per la gestione degli organismi rappresentativi locali, modalità e gli ambiti per il raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136