QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Gli alpini trentini a Campotosto all’inaugurazione della Casa Sociale

sabato, 25 novembre 2017

Campotosto – Inaugurata la Casa Sociale realizzata e donata dagli Alpini dell’ANA alla comunità di Campotosto colpita dal sisma. È stata inaugurata, alla presenza delle autorità civili e militari, la Casa della Comunità di Campotosto, piccolo comune in provincia di L’Aquila a 1.420 metri sul livello del mare duramente colpito dal terremoto.

Insieme al sindaco di Campotosto, Luigi Cannavicci, c’erano il Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti, il Comandante delle Truppe Alpine generale Federico Bonato, il presidente dell’Associazione Nazionale Alpini (ANA) Sebastiano Favero e, per la Sezione di Trento, il presidente Maurizio Pinamonti con l’ingegner Bruno Bruni che si è occupato della parte trentina dei lavori, e Giorgio Debiasi, presidente della Protezione Civile ANA Trento. Erano presenti inoltre il commissario straordinario per la ricostruzione della Protezione Civile Nazionale Paola De Micheli, diversi rappresentanti di Sezione abruzzesi, la fanfara alpina e un picchetto in armi del Battaglione Vicenza, Brigata Taurinense di stanza a L’Aquila.

Campotosto Sezioni ANA Nord-Est 01

“Questa inaugurazione è una festa – ha detto il presidente Pinamonti – una bella festa che celebra la comunità di Campotosto e la forza del volontariato. Ringraziamo tutti coloro che con le donazioni hanno resto possibile tutto questo” (nella foto a lato i presidenti e i rappresentanti dei gruppi Alpini del Nord Est e sotto la Casa Sociale).

La Sezione di Trento dell’Associazione Nazionale Alpini ha contribuito alla realizzazione della struttura insieme alle Sezioni di Pordenone – che si è occupata della parte edile dei lavori -, Conegliano, e Vicenza.

Trento ha lavorato al tetto, completo di lattonerie, linea vita ed accessori d’uso, della Casa e l’opera è stata resa possibile grazie alle tante donazioni della gente trentina pervenute alla Sezione, per un totale di circa centomila euro.

La Casa Sociale, edificio di 225 metri quadri con altri 110 di porticato esterno, sarà da oggi a disposizione della comunità locale, con la sua grande sala di 125 metri quadri, le salette per le associazioni, una cucina e il grande porticato esterno.

Campotosto Casa Sociale 1

Il tetto, 365 metri quadri in tutti, è stato prodotto dalla Carpenteria Battisti di Torcegno in Valsugana, con il lavoro dei dipendenti e dei volontari ANA trentini. In legno lamellare con l’asse portante in legno massiccio della Val di Fiemme e la copertura di tegole in cotto come impone la paesaggistica locale, il tetto è stato posato in 20 giorni. Grande la soddisfazione per il risultato finale.

Dal 3 agosto scorso hanno lavorato incessantemente a turno, in squadre da 7/8, gli alpini delle Sezioni del Nord Est. Accanto ai volontari di Pordenone, i volontari di Trento che hanno montato il tetto offerto dalla Sezione e infine i volontari della Sezione di Vicenza per la posa del porfido dei marciapiedi esterni. La struttura di Campotosto è il primo dei 4 progetti realizzati dall’ANA per il Centro Italia completato e arredato.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136