QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Giunta Regionale: fuori il valtellinese Del Tenno, al bresciano Cavalli le deleghe a Infrastrutture e Mobilità

martedì, 29 aprile 2014

Milano – Cambiano le deleghe della Giunta del Pirellone: al valtellinese Maurizio Del Tenno. in quota Forza Italia, sono state tolte le deleghe a Infrastrutture e Mobilità, e assegnate al bresciano Alberto Cavalli. E’ il passo più importante del Governatore Roberto Maroni (al centro nella foto sotto). Lo stesso presidente della Regione Lombardia ha illustrato in mattinata i nuovi incarichi della Giunta regionale con la nomina degli assessori Mauro Parolini (Commercio, Turismo e Terziario) e Alberto Cavalli  (Infrastrutture e Mobilità) e dei sottosegretari Daniele Nava (attuazione della Legge Delrio) e Maurizio Del Tenno (Infrastrutture per Expo). Per quanto concerne gli altri assessori bresciani, Viviana Beccalossi e Simona Bordonali, mantengono inalterate le deleghe al Territorio e Urbanistica e Protezione Civile.

pacher maroni zaia
LEGGE DELRIO

Sulla legge Delrio in particolare, il presidente  ha spiegato come si tratti di norme fondamentali per almeno due
aspetti. Il primo riguarda il comma 49 che stabilisce che entro 90 giorni la Regione subentri in tutte le partecipazioni azionarie della Provincia di Milano. “Si tratta – ha spiegato il presidente – di un complesso di società imponente. E’ necessario un attento processo di definizione del passaggio di queste partecipate”.
La tempistica prevista è che, entro 40 giorni dall’entrata in vigore (metà maggio o al più tardi), il Governo dovrà emanare un decreto per stabilire le modalità di trasferimento di queste partecipazioni. La legge prevede anche che il 31 ottobre 2015 lestese partecipazioni passino alla città metropolitana.
“Si pongono dunque – ha spiegato Roberto Maroni – una serie di questioni. Più di 15 società passeranno nel patrimonio della Regione con l’impegno a restituirle. Stabiliremo i margini di manovra che la Regione ha. Voglio evitare di prendere in carico queste società, di procedere magari al risanamento con nostri fondi per restituirle poi risanate alla città metropolitana. Si tratta di un passaggio importante per evitare che ci sia ritardo o blocco dei lavori. Alcune di queste societ? sono impegnate per opere per Expo per cui è importante che si faccia in fretta”.

INFRASTRUTTURE PER EXPO

Il sottosegretario Del Tenno, invece, si occuperà di infrastrutture legate a Expo: “anche su questo c’è preoccupazione rispetto agli impegni non rispettati da parte del Governo di Roma”. Il presidente ha ricordato di aver scritto al premier Renzi il 4 marzo una lettera con l’elenco dettagliato degli interventi urgenti legati a Expo senza ricevere risposta: le varie infrastrutture, e in particolare la Pedemontana (per la quale è stata a più riprese promessa la defiscalizzazione); le altre richieste finanziarie come la deroga al patto di stabilità, la copertura della quota lasciata dalla Provincia in Expo spa, il finanziamento delle spese straordinarie legate alla sanità”.

“Il 14 aprile – ha ricordato il presidente – si è svolto il sottotavolo infrastrutture con un lungo elenco di opere da
seguire puntualmente ora che manca un anno alla manifestazione. Voglio che ci sia una persona dedicata a seguire esclusivamente queste opere. Il sottosegretario farà da sollecitatore perché tutti facciano quello che si sono impegnati a fare”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136