QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Giro d’Italia: il Soccorso Alpino accanto a ciclisti e tifosi nelle tappe montane

mercoledì, 28 maggio 2014

Passo dello Stelvio – Il Soccorso Alpino sulle strade del Giro. È partita da Ponte di Legno una delle tappe più affascinanti del Giro d’Italia, 139 km per raggiungere Val Martello, passando attraverso il Passo Gavia (2618 m) e il Passo dello Stelvio (2785 m), Cima Coppi per la settima volta nella storia del Giro, dal 1953, con pendenze medie intorno all’8% e punte del 16%.Giro e Soccorso Alpino 10 

Nelle ore precedenti la partenza c’erano stati alcuni dubbi, dovuti alle condizioni meteorologiche avverse, con un possibile percorso alternativo attraverso il Tonale: gli organizzatori hanno invece deciso di confermare la tappa. I corridori sono partiti sotto la pioggia, hanno incontrato un’abbondante nevicata al Gavia, pioggia anche lungo la salita dello Stelvio e neve al Passo, poi di nuovo pioggia a Trefoi.

Lungo tutto il percorso della discesa dal versante sondriese erano dislocati numerosi tecnici delle Stazioni di Valfurva e Bormio, appartenenti alla VII Delegazione Valtellina – Valchiavenna del Cnsas (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico). La loro presenza in un tratto in discesa, caratterizzato da dirupi e scarpate, ha però consentito ai ciclisti di procedere con la massima sicurezza e agli spettatori di spostarsi e organizzarsi senza rischi.

Non ci sono stati infortuni gravi, solo alcune cadute nei primi chilometri. Gli operatori del Soccorso alpino e le équipe mediche del Cnsas, oltre a un’eliambulanza del 118 collocata presso l’eliporto di Bormio, erano pronti a intervenire immediatamente, in caso di necessità, con vantaggi notevoli per le persone coinvolte. Il Giro esce quindi dalla Lombardia e prosegue nel territorio del Trentino – Alto Adige con altre tappe di montagna e il Cnsas sarà, ancora una volta, accanto ai corridori e ai tifosi.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136