QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Gardone Riviera, “Gli scultori di D’Annunzio – Anima e materia”: la mostra ha il plauso della critica

venerdì, 17 luglio 2015

Gardone Riviera – “Questa mostra valorizza ulteriormente un luogo splendido e di grande storia come il Vittoriale, il fatto di organizzare eventi culturali in luoghi  splendidi come questo li rende ancora piu’ interessanti ed appetibili e credo che questo sia il miglior modo per proporsi al turismo, abbinando grandi eventi culturali alle meraviglie delle nostre bellezze e dei nostri luoghi storici”Mostra gardone riviera.

Lo ha spiegato l’assessore della Regione Lombardia al Turismo, Mauro Parolini, aprendo oggi al Museo del Vittoriale la mostra ‘Gli scultori di D’Annunzio – Anima e materia’, uno dei Padiglioni delle Belle Arti per Expo, nell’ambito dell’iniziativa voluta dal presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e curata dal critico d’arte e ambasciatore delle Belle Arti di Regione Lombardia per Expo Vittorio Sgarbi, presente all’evento (Nella foto la serata di presentazione).

“E grazie ai padiglioni delle Belle Arti e ai Distretti per l’attrattività – ha proseguito l’assessore – stiamo riuscendo a coinvolgere tutti i nostri territori nelle grandi opportunità offerte da Expo e dai tanti turisti che vengono a Milano per l’esposizione universale, turisti che stiamo riuscendo a portare in giro nella nostra Lombardia a scoprire le nostre bellezze, come appunto il Vittoriale”.

“Tra meno di tre anni sarannotrascorsi 80 anni dalla morte di Gabriele D’Annunzio, scomparso il primo marzo del 1938, e per questa data vorrei che ci inventassimo qualcosa, e mi rivolgo per questo al professor Sgarbi, per celebrare degnamente gli 80 anni dalla scomparsa di questo grande italiano, pensiamo a qualcosa che si possa fare qui al Vittoriale e che resti e ovviamente come Regione  Lombardia siamo pronti a contribuire per realizzare questa iniziativa”.

Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, inaugurando, oggi, al Museo del Vittoriale la mostra ‘Gli scultori di D’Annunzio – Anima e materia’, uno dei Padiglioni delle Belle Arti per Expo, nell’ambito dell’iniziativa voluta dalla stessa presidenza della Regione Lombardia e curata dal critico d’arte e ambasciatore delle Belle Arti di Regione Lombardia per Expo Vittorio Sgarbi.

“Siamo lieti di inaugurare questa mostra, per cui ringraziamo il professor Vittorio Sgarbi,qui al Vittoriale, in uno dei Padiglioni di Regione Lombardia per Expo Belle Arti. Il Vittoriale e’ il museo piu’ visitato della Lombardia e questa mostra porta un valore aggiunto e focalizza
l’attenzione sul rapporto tra gli scultori e D’Annunzio, unendo poesia e scultura a 360 gradi in questo luogo suggestivo e di cosi’ grande bellezza”.

Lo ha spiegato l’assessore della Regione Lombardia Alla Cultura,  Identità e Autonomie, Cristina Cappellini, aprendo oggi al Museo del Vittoriale la mostra ‘Gli scultori di D’Annunzio - Anima e materia’, in uno dei Padiglioni delle Belle Arti per Expo, nell’ambito dell’iniziativa voluta dal presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e curata dal critico d’arte e ambasciatore delle Belle Arti di Regione Lombardia per Expo Vittorio Sgarbi, presente all’evento.

“In questo modo, grazie anche a questa mostra, sfruttiamo la  vetrina offerta da Expo per accendere dei riflettori ulteriori - ha aggiunto l’assessore Cappellini – su luoghi bellissimi, come i nostri siti Unesco e’ come altre meraviglie, come il Vittoriale, di cui la Lombardia e’ ricca, luoghi e bellezze che tutto il mondo ci invidia e che cerchiamo di valorizzare sfruttando anche Expo “.  ”Vogliamo continuare ad investire sulla cultura e sui luoghi  della cultura, anche se le risorse sono poche – ha concluso il presidente – perché quello nella cultura e’ sempre un buon investimento e chiederò al professor Sgarbi di continuare nel suo lavoro anche dopo Expo, continuando ad inventare iniziative geniali come questa”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136