QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Garda Trentino, aumentano le presenze turistiche: + 4,4 % negli arrivi con 3 milioni e 407mila presenze

sabato, 28 gennaio 2017

Riva del Garda – Per il Garda Trentino è appena andata in archivio un’altra stagione caratterizzata dal segno positivo. La crescita emerge con chiarezza dal “Report statistico” annuale presentato nella sede di Garda Trentino spa a Riva del Garda.

Nonostante il perdurare della difficile congiuntura economica, il trend dei flussi turistici nell’ambito cresce con continuità, a conferma della qualità del lavoro che coinvolge l’Azienda per il Turismo e tutte le forze in campo grazie alla propensione a lavorare su strategie comuni e progetti di co-marketing.

“I dati record di questo 2016 ci gratificano soprattutto dal punto di vista dell’estensione della stagione turistica, che rappresenta uno dei nostri obiettivi chiave – spiega il Presidente di Garda Trentino spa, Marco Benedetti (al centro nella foto a lato) -. Ad esempio, nel mese di Dicembre, e anche nei primissimi giorni di Gennaio, abbiamo assistito ad un afflusso davvero importante, che conferma come la strategia di differenziare la proposta stia dando i suoi frutti”. Soddisfazione condivisa all’unanimità anche da tutti i rappresentanti delle municipalità e delle associazioni di categoria presenti.

Conferenza Garda Trentino

I dati di maggiore peso sono quelli relativi agli arrivi e alle presenze nelle strutture del territorio. Per gli arrivi c’è stato un aumento del 4,4 per cento rispetto a un 2015 già di segno positivo, con il dato generale che si attesta a 830.098 unità (oltre 35 mila arrivi in più rispetto all’anno passato). Da sottolineare l’incremento sia di arrivi italiani (+1%) sia di stranieri (+5,6%).

Per quanto riguarda le presenze la crescita rispetto al 2015 è stata del 5,3 per cento in generale, toccando quota 3.407.198, oltre 170 mila presenze in più rispetto al 2015. Al dato pressoché stabile che riguarda le presenze italiane (- 0,2%), si contrappone una crescita del 6,7% delle presenze straniere.

Il comparto alberghiero ha registrato un incremento del 3,7% degli arrivi e del 5,2% delle presenze, mentre quello extra-alberghiero (campeggi esclusi), un aumento del 10,2% degli arrivi e del 6,5% delle presenze. Trend positivo anche per i campeggi, con un +1,7% di arrivi e +4,3% delle presenze.

Confermata in pieno la vocazione internazionale del Garda Trentino. La Germania mantiene saldamente la testa nella statistica dei flussi turistici stranieri: con oltre un milione e 600 mila presenze e una crescita del 7,8% rispetto al 2015, rappresenta da sola il 47,12% del totale. Il 18,71% è invece costituito dal flusso di visitatori italiani, che si attesta su 637.485 presenze. Dietro i due gruppi più importanti troviamo Regno Unito (6,6%), Austria (5,2%), Paesi Bassi (2,9%), Svizzera (2,4%) e Repubblica Ceca (2,3%).

Garda Trentino 1

Nella valutazione dei dati su arrivi e partenze buona la performance fatta registrare dalla Svizzera (+13,7% arrivi e +12,4% presenze rispettivamente) e ottimi dati per i paesi dell’Est Europa: dalla Repubblica Ceca (+9,1%/+13,7%) alla Polonia (+9,1%/+5,7%), dalla Russia in forte ripresa (+12,7%/+7,5%) all’Ungheria, che ha fatto registrare i risultati più lusinghieri (+32,2%/+26,4%). Situazione positiva anche per i mercati scandinavi, soprattutto la Svezia (+9,3%/+16,7%), in ripresa il Benelux dopo anni di difficoltà (Belgio +14,6%/+16,9%), mentre qualche incertezza caratterizza il mercato del Regno Unito (-0,2%/-2,5%).

Interessanti anche le percentuali scomposte su base mensile. Sono pochi i mesi che hanno visto un calo delle presenze rispetto al 2015: per aprile il risultato si spiega col fatto che nel 2016 la Pasqua è caduta alla fine di marzo. Stabile e costante, invece, la crescita nel primo trimestre e incremento anche nei mesi “forti” (luglio, agosto e settembre), a segnalare una tendenza di sviluppo dei flussi distribuita più uniformemente nell’arco dell’anno. Nemmeno la maggiore piovosità del 2016, con 103 giorni di precipitazioni rispetto agli 83 del 2015, ha influito sui flussi turistici.

L’analisi approfondita dei dati contenuti nel Report statistico 2016 chiarisce tendenze e motivazioni dei visitatori, fornendo gli strumenti per qualificare l’offerta e migliorare il dialogo con tutti i mercati. L’obiettivo rimane sempre lo stesso: esaltare le risorse e le bellezze di un territorio unico e sempre più apprezzato.

“Già nei mesi estivi, analizzando le cifre, era chiaro come stesse materializzandosi un’annata davvero importante – ha ribadito la Direttrice di Garda Trentino spa Roberta Maraschin – ma, anche in vista di un 2017 che si annuncia molto promettente, siamo già al lavoro sul nostro prodotto turistico e la sua valorizzazione, anche grazie a un programma di eventi sempre più importante. In prospettiva futura, puntiamo ad estendere ulteriormente quantità e qualità dei servizi offerti sul territorio, per fare in modo che la bellezza e il valore del nostro ambito trovino riscontro non soltanto nell’aumento delle presenze, ma anche dell’indotto”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136