QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Garda: patto di promozione tra Lombardia, Veneto e Trentino. L’assessore Parolini: “Enormi potenzialità”

sabato, 25 febbraio 2017

Desenzano del Garda – Sì è svolto presso il Park Hotel di Desenzano del Garda (Brescia), l’incontro decisivo per rilanciare con un’azione congiunta e coordinata il patto di promozione territoriale che include l’intero bacino turistico benacense. Sottoscrittori dell’accordo, che porterà nelle casse gardesane 600mila euro nell’arco di tre anni, sono quattro attori: da un lato il Consorzio Garda Unico - lo strumento operativo del marketing turistico del lago a cui partecipa anche Garda Trentino S.p.A., presente all’incontro con il Presidente Marco Benedetti e il Direttore Roberta Maraschin - dall’altro le delegazioni degli Assessorati al Turismo di Regione LombardiaRegione Veneto e Provincia Autonoma di Trento, guidate rispettivamente dagli assessori Mauro ParoliniFederico Caner e Michele Dallapiccola. I fondi stanziati serviranno per consentire al lago più grande e più apprezzato d’Italia di continuare a veicolare la propria immagine di location di villeggiatura d’eccellenza, prima scelta di vacanza per decine di milioni di turisti ogni anno.

Nella foto i partecipanti all’incontro di Desenzano del Garda, con da sinistra: Marco Benedetti, Presidente di Garda Trentino S,p.A.; Michele Dallapiccola, Assessore al Turismo Provincia Autonoma di Trento; Franco Cerini, Presidente di Garda Unico; Mauro Parolini, Assessore al Turismo Regione Lombardia; Federico Caner, Assessore al Turismo Regione Veneto; Paolo Artelio, Presidente di Confidi Veneto.aass

Il progetto Garda Unico è stato tenacemente perseguito dai consorzi territoriali delle tre sponde del lago e appoggiato dalle istituzioni, che hanno riconosciuto ufficialmente alla società consortile mista pubblico/privata il ruolo di soggetto titolare in esclusiva dell’attività promozionale turistica in Italia e all’estero.

“Con gli attori istituzionali dell’intero lago - spiega l’assessore regionale Mauro Parolini – siamo impegnati in un percorso molto significativo verso una maggiore integrazione e un piu’ stretto coordinamento, che oggi sono caratteristiche strategiche e imprescindibili della promozione turistica. E stiamo gia’ raccogliendo i frutti positivi di questa sinergia interregionale intrapresa negli ultimi anni con l’obiettivo di consolidare l’intera area del Garda come uno dei poli turistici più importanti nel panorama europeo”.

E’ un approccio che richiede impegno e che avrà effetti positivi sulle realta’ economiche locali di riferimento. Oggi – ha aggiunto Parolini - ci si muove infatti all’interno di un mercato internazionale che continua a crescere e ad offrire nuove sfide e opportunità, ma che richiede una rinnovata capacita’ di fare massa critica per essere visibili ed attraenti”.

“Fin dalla sua nascita - afferma il Presidente di Garda Unico Franco Cerini - i risultati ottenuti sono stati straordinari, soprattutto in termini di visibilità del lago sul mercato internazionale. La migliore testimonianza di questo successo è rappresentata dal caratteristico marchio multicolor GARDA, che richiama per ciascuna lettera della scritta un diverso tema di vacanza. Questo logo è diventato simbolo di un vero e proprio holiday brand, leader sulla scena mondiale del settore.”

Le operazioni attuate finora da Garda Unico comprendono partecipazione a fiere e organizzazione di eventi sui principali mercati europei ed extraeuropei, campagne di comunicazione e pubblicità veicolate attraverso giornali e televisioni, visite guidate per tour operator, giornalisti e influencer, presenza autorevole e straordinariamente efficace sul web, con lo storico portale visitgarda.com - uno dei più frequentati da chi progetta sul web la propria vacanza – a cui si affiancherà a breve il portale lagodigarda.it, forte di oltre un milione di visite all’anno e in fase di riprogettazione generale, per meglio soddisfare anche sul web le esigenze di un comprensorio che si rivela sempre più come una delle aree turistiche più attraenti d’Europa.

GLI INTERVENTI

PRESENZA SUL WEB - “Molte azioni che abbiamo condiviso durante  l’incontro – ha continuato l’assessore regionale lombardo – si integreranno con quelle già messe in campo da Regione Lombardia e si inseriranno in un contesto più ampio di interventi finalizzati soprattutto ad utilizzare le potenzialità del web. L’uso di internet e delle tecnologie digitali nel settore del turismo ha infatti rivoluzionato radicalmente il modo di viaggiare e ha reso globale la competizione per intercettare nuovi turisti.

PRESS TOUR - “Per questo – ha anticipato Parolini – stiamo sviluppando insieme un presenza digitale più efficace ed interattiva e organizzeremo tour con la stampa, i blogger e gli influencer sul modello delle esperienze positive che abbiano già portato avanti in Lombardia”.

INFRASTRUTTURE - L’assessore Parolini ha infine condiviso con i colleghi anche le priorità infrastrutturali rappresentate dalla realizzazione di una fermata Tav sul Garda, “che migliorerà l’accessibilità all’intera area turistica e che farà diventare l’area del basso Garda uno degli hub turistici più importanti d’Italia”, e infine il completamento dell’anello ciclabile attorno al lago, “opera unica a livello mondiale di oltre 140 chilometri, che ha già incassato l’ok dal Governo e che farà del Garda il paradiso europeo del cicloturismo”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136