QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Fondo strategico territoriale, iniziato il confronto anche per #PROGETTOALTOGARDAELEDRO

venerdì, 5 maggio 2017

Torbole – Anche la zona dell’Alto Garda e Ledro ha iniziato il percorso partecipativo legato alla progettazione degli interventi che saranno finanziati con il Fondo strategico territoriale. In un affollato incontro, che si è tenuto ieri nel tardo pomeriggio presso il Parco Colonia Pavese a Torbole, si è parlato di tre possibili interventi: il percorso ciclopedonale attorno al lago, denominato “Garda By Bike”, la riqualificazione dei collegamenti escursionistici nell’area “Ponale” e l’acquisto di un natante per i servizi di emergenza e tecnici da effettuare sul lago di Garda per l’Unione dei corpi dei Vigili del fuoco volontari del Distretto Alto Garda e Ledro. Alla serata hanno partecipato, assieme a numerosi amministratori locali, anche l’assessore provinciale alla coesione territoriale, urbanistica, enti locali ed edilizia abitativa Carlo Daldoss e il presidente della Comunità Alto Garda e Ledro Mauro Malfer.

daldoss“E’ un momento importante di partecipazione – ha commentato a margine dell’incontro l’assessore Daldoss – in cui i cittadini sono chiamati ad essere protagonisti. Siamo in uno dei territori più belli del Trentino ed il confronto avviene su tre progetti di particolare rilevanza. Con una modalità nuova cerchiamo di far emergere dal territorio le capacità decisionali riservando alla Provincia il compito di facilitare i processi che danno protagonismo alle comunità sulle scelte da queste ritenute strategiche”.

Con questo incontro prosegue quindi l’iniziativa che vede i cittadini trentini chiamati ad esprimersi direttamente sui progetti di sviluppo del territorio, individuati in precedenza in occasione di uno degli appuntamenti denominati “World Cafè” che si è tenuto nei mesi scorsi. Il percorso partecipativo è gestito e monitorato dall’Autorità per la partecipazione locale; l’organismo cui la normativa (Legge Provinciale 16 giugno 2006, n. 3) affida il compito di promuovere la partecipazione dei cittadini e degli enti locali nei processi di costruzione delle politiche territoriali.

“Per tutto il Trentino – ha spiegato l’assessore – sono circa 80 i milioni di euro del Fondo strategico territoriale. Per l’Alto Garda sono circa cinque i milioni di euro già a disposizione e immediatamente utilizzabili”.

Dopo l’introduzione e i saluti delle autorità, i lavori ieri sono proseguiti in tre tavoli tematici. Al termine del confronto i coordinatori dei tavoli hanno riportato quanto emerso dalla discussione in merito ai tre progetti approfonditi. L’Autorità per la partecipazione nei prossimi giorni pubblicherà i risultati della serata. Il processo terminerà con la stipula di un accordo di programma tra Provincia, Comunità e Comuni. “Stimiamo – ha detto ancora l’assessore – che esaurita la fase partecipativa l’accordo possa essere siglato agli inizi di giugno per poi partire con la fase realizzativa. I cittadini ci chiedono di poter discutere ma anche di essere tempestivi nella traduzione in realtà dei progetti”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136