QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Fondi Comuni di confine: verso la definizione dei criteri per la crescita delle aree di montagna

giovedì, 5 marzo 2015

Roma – Una montagna che deve crescere, e deve farlo in modo uniforme a cominciare dai collegamenti, non solo viabilistici ma anche delle opportunità turistiche (sci e piste ciclabili) e telematiche (internet). Secondo il presidente della Provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi, è questa la filosofia che deve ispirare i criteri di utilizzo del fondo per i comuni di confine, oggetto di un incontro di lavoro che si è concluso poco fa a Roma al ministero degli affari regionali. All’incontro, al quale ha partecipato tra gli altri anche il presidente altoatesino Arno Kompatscher, Ugo Rossi ha chiesto di mettere a punto modalità capaci di conferire valore aggiunto alle esperienze di gestione comune di servizi ed infrastrutture, secondo un criterio che punti alla crescita socio economica dei territori confinanti.pejo lago palu

Lo strumento da affinare sarà quello dell’accordo di programma a valenza pluriennale tra gli enti interessati che – a valere su un budget di 56 milioni di euro annui – dovranno individuare progetti di vasta area su temi come ad esempio la banda larga, i collegamenti viabilistici ma anche quelli relativi agli impianti di risalita o le piste ciclabili, nonché iniziative di valorizzazione e promozione delle Dolomiti, del Lago di Garda e del Parco dello Stelvio. La prossima riunione si svolgerà a Trento cui è stata affidata la segreteria tecnica del gruppo di lavoro interamministrativo.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136