QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Festa della Repubblica, la celebrazione a Campione: insigniti della medaglia Nando Boffa e Ruggero Secchieri

martedì, 2 giugno 2015

Campione d’Italia – Celebrata la 69^ Festa della Repubblica. In anticipo sulla data, si è tenuta a Campione d’Italia, per la prima volta nella storia dell’enclave, la celebrazione ufficiale del Consolato generale d’Italia a Lugano della Festa della Repubblica italiana. Presenti autorità civili, militari e religiose italiane e svizzere: il ministro plenipotenziario e console d’Italia a Lugano Marcello Fondi, il prefetto di Como Bruno Corda, l’ambasciatore d’Italia a Berna Cosimo Risi, il sindaco di Campione d’Italia Maria Paola Mangili Piccaluga, il vicecomandante provinciale dei Carabinieri di Como Donato di Gioia, il cancelliere dello Stato del Canton Ticino Giampiero Gianella, il prevosto monsignor Eugenio Mosca.

A decorare l’evento la Filarmonica Albesinafesta repubblica a Campione 10 e il coro dei bambini e ragazzi delle scuole campionesi.

(Nella foto di Ginevra Ugolotti la cerimonia).

IL MESSAGGIO

“Gli uomini che scrissero la Costituzione – ha ricordato il sindaco di Campione d’Italia – appartenevano a tradizioni culturali molto differenti e avevano idee politiche molto diverse tra loro, ma riuscirono a condividere tutti gli accordi necessari, superando le logiche di partito, perché erano attenti a costruire il bene comune. Ed oggi, mi sento in dovere di rivolgere a tutti i miei concittadini un richiamo a questo alto valore aggregante, dal quale può discendere quella forte coesione sociale necessaria ad affrontare questo difficile momento per la comunità campionese”.

Coesione a cui ha fatto riferimento anche il cancelliere dello Stato del Canton Ticino: “Sono particolarmente onorato di essere qui in questo singolare e particolare evento, soprattutto in un momento in cui fra i nostri due Stati permane qualche difficoltà. Ma, ne sono più che mai convinto, dove vi sono problemi vi sono anche soluzioni, e trovate non potranno che andare a beneficio dei nostri rapporti reciproci”.

Una convinzione avanzata anche dal console d’Italia a Lugano: “Dopo l’impulso dell’accordo in materia fiscale l’auspicio è che si possano raccogliere al più presto i frutti a più ampio respiro. Nuove prospettive di sviluppo e di benessere che andranno a favore anche dei cittadini campionesi, la cui comunità nell’esporre le proprie richieste troverà risposte da entrambi gli Stati”.

Insigniti della medaglia del Comune di Campione d’Italia sono stati nel corso della cerimonia due protagonisti del “colpo di Stato” che nel gennaio 1944 portò alla ribellione al nazifascismo e all’adesione al Governo Badoglio, Nando Boffa e Ruggero Secchieri. Il consolato d’Italia ha invece nominato per i suoi meriti civili la signora Luciana Serra quale ufficiale della Repubblica.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136