QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Expo 2015, commercio e turismo: visita in Trentino del console generale del Kuwait

venerdì, 5 settembre 2014

Trento – Si è parlato di Expo 2015, di scambi commerciali ma anche di incontri culturali, di turismo invernale, di mele, di formaggi e di agroalimentare in genere, nell’incontro che stamani l’assessore Michele Dallapiccola, che era accompagnato dal dirigente della promozione e dell’internazionalizzazione Raffaele Farella, ha avuto nel suo ufficio con Boukhaddour Abdulnasser Mohammad, console generale del Kuwait, affiancato dal suo traduttore, il dott. Soliman.

“Noi oggi siamo in Trentino – ha esordito il console kuwaitiano – per conoscere la vostra realtà, ma anche per creare quelle occasioni capaci di aumentare il volume e la qualità degli scambi commerciali tra le nostre due realtà territoriali. Noi vogliamo toccare con mano il vostro tessuto produttivo, il vostro sistema amministrativo, le vostre eccellenze, ma al tempo stesso siamo in attesa di vostre proposte in vista nuove collaborazioni.”

“Tutti coloro che vogliono collaborare con noi sono i benvenuti in Trentino – ha risposto l’assessore Dallapiccola, – e le nostre eccellenze, i settori in cui Trentino e Kuwait possono ulteriormente rafforzare i legami già in atto sono presto detti: industria manifatturiera, settore agroalimentare e turismo, ma con uno sguardo privilegiato e attento anche agli scambi di carattere culturale, che noli consideriamo indispensabili per la conoscenza reciproca che è in grado di aiutare l’integrazione e la comprensione reciproche”.

Sono buone, le prospettive commerciali fra il Trentino e il Kuwait, anche se fino a oggi non raggiungono ancora cifre particolarmente rilevanti: secondo i dati Istat, il valore dell’export dal Trentino al Kuwait seguono un trend costante che dal 2011 al 2013 si è attestato intorno ai 3,5 milioni di euro l’anno, con un picco di 5,4 milioni nel 2012. Anche per il 2014, comunque, e nonostante le difficoltà del momento a livello internazionale, i dati del primo trimestre sono in linea con quelli dell’anno precedente, registrando addirittura in leggero miglioramento.

Comunque la disponibilità dimostrata dal Trentino a mettere sul tavolo ulteriori proposte nei settori d’eccellenza del manifatturiero, dell’agroalimentare e del turismo hanno raccolto l’interesse del console Boukhaddour Abdulnasser Mohammed.
“La disponibilità di aziende trentine nel campo dei macchinari – ha detto Dallapiccola, – la presenza di un forte settore agroalimentare che nell’ortofrutta, con le mele in primissimo piano, e nella produzione di formaggi ha punti di forza che sicuramente possono interessare i mercati kuwaitiani, e la possibilità di offrire ai clienti di alta gamma un’esperienza di turismo di qualità in Trentino, anche nella stagione invernale, con strutture ricettive all’avanguardia, sono occasioni che vogliamo far fruttare”.

“La collaborazione che il governo del Kuwait potrà dare al Trentino – ha sottolineato a questo punto il console generale, – si concretizzerà in un’opera di consulenza per aiutare i produttori trentini a confezionare in maniera adeguata e consona ai nostri costumi le proposte di collaborazione rivolte ai nostri investitori privati. Spetterà poi al Fondo indipendente di investimento (il “Kuwait Investment Authority (KIA)”, un organismo indipendente che raccoglie appunto i nostri investitori e che non è controllato dal governo) scegliere quali di queste proposte accettare e portare a buon fine.

Contiamo inoltre che l’autonomia di cui il Trentino gode sappia favorire ulteriormente questi scambi e facilitare i futuri investimenti: noi siamo alla ricerca di territori in cui l’eccellenza, ma anche la buona amministrazione e la burocrazia rapida ed efficiente prevalgano in tutti i campi.” L’interesse da parte kuwaitiana verso l’Italia è testimoniata dalla recente partecipazione di KIA al Fondo strategico italiano (controllato da Cassa Depositi e Prestiti) con un investimento al fondo di circa 500 milioni di euro.

Particolare attenzione la delegazione kuwaitiana ha riservato all’esperienza ormai consolidata che fa del Trentino la patria della progettazione, della consulenza e della costruzione nel settore dell’edilizia ecosostenibile (settore in forte crescita in Kuwait), ma anche il turismo soprattutto invernale potrà aprire una nuova fase di scambi. “I nostri giovani – ha chiosato il console, – cominciano ora ad apprezzare la montagna e la neve: sappiamo che in questo il Trentino è senz’altro all’avanguardia in Europa!”

Il prossimo step sarà a breve, con lo scambio delle prime ipotesi progettuali per poi puntare ad una concretizzazione delle partnership già il prossimo anno: nel corso dell’Expo di Milano, infatti, il padiglione del Trentino avrà modo di interloquire direttamente con l’area del Kuwait: a questo punto non solo la Provincia è chiamata a farsi parte attiva, ma anche gli imprenditori e gli operatori turistici. Uno scambio di libri che illustrano le due diverse culture e i due diversi ambienti naturali ha suggellato l’incontro di oggi e un arrivederci a Milano è la promessa di passare dalle parole ai fatti.

IN CAMERA DI COMMERCIO…kuwait

Il Presidente della Camera di Commercio I.A.A. di Trento, Giovanni Bort, ha incontrato in mattinata il Console generale dello Stato del Kuwait in Milano, dott. Abdulnasser M. Bukhadour.

Il Console, nell’ambito della sua prima visita ufficiale nella nostra provincia, ha voluto incontrare i vertici dell’Ente camerale sottolineando la volontà e l’impegno a intensificare e ampliare la collaborazione in campo economico, con un approccio pragmatico e fattivo; ha inoltre formulato l’auspicio che il rapporto che con questo primo contatto si intende instaurare sia in grado di produrre risultati tangibili e nel minor tempo possibile, a vantaggio di entrambe le realtà economiche e sociali, in un clima di relazioni dirette e cordiali.

È stata, in particolare, espressa attenzione per i settori della meccanica e delle macchine per l’agricoltura. Il Presidente Bort – nel ringraziare per la visita, volta a una collaborazione operativa tale da concretizzarsi in solide relazioni imprenditoriali – ha assicurato l’impegno della struttura camerale nell’individuazione dei settori di maggior immediato interesse, a cui far seguire nel “breve” un diretto coinvolgimento delle imprese trentine e kuwaitiane che potrebbero beneficiare di questa interessante prospettiva di sviluppo e di crescita.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136