Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Esercitazione dei tecnici del Soccorso Alpino tra parete, grotte e gola profonda

mercoledì, 3 giugno 2015

Darfo Boario – Il CNSAS (Corpo Nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico) da sempre si occupa di portare soccorso medicalizzato in ambienti complessi.

La necessità di muoversi in ambienti complessi come quelli di una parete in montagna, di una  grotta o di una profonda gola percorsa dall’acqua, impone ai tecnici un alto livello di pSoccorso alpino fiumi e grotte1reparazione fisica e tecnica che si può ottenere solo con frequenti esercitazioni volte a far migliorare le conoscenze e la capacità di lavorare in squadra.

Peculiarità del CNSAS è però quella di portare un soccorso non soltanto dal punto di vista tecnico, ma anche di garantire un elevato standard medicale.

Per questo le esercitazioni con medici e sanitari del medesimo corpo e di AREU sono importanti quanto la conoscenza delle tecniche di progressione.

È per questo scopo che una nutrita squadra di 20 tecnici del servizio regionale lombardo CNSAS si è ritrovata a Fiume Nero (Bergamo) per aggiornarsi ed aumentare le proprie capacità di trattare un infortunato traumatico.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136