QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Emergenza Siccità in Alto Adige, Kompatscher firma decreto per risparmio dell’acqua

sabato, 22 aprile 2017

Bolzano – Decreto sulla situazione critica delle risorse idriche nel bacino dell’Adige firmato da Kompatscher. Previste misure per il risparmio dell’acqua.

kompatscherLa siccità sta provocando anche in Alto Adige una situazione di scarsità delle risorse idriche, e il tema è stato affrontato ieri pomeriggio nel corso di un incontro dell’Osservatorio permanente delle Alpi orientali, del quale fanno parte Regioni e Province autonome, il cui compito è quello di coordinare a livello territoriale misure e interventi, soprattutto nei momenti critici come quello attuale. “Che la situazione sia complicata è noto da tempo – sottolinea il presidente altoatesino Arno Kompatscher – basti pensare che 24 comuni veneti situati lungo il corso dell’Adige devono essere riforniti con acqua potabile. Per riuscire a porre rimedio è necessaria la collaborazione e il lavoro congiunto di tutte le amministrazioni coinvolte, anche di quelle che si trovano più a nord, come ad esempio le Province di Bolzano e Trento. Abbiamo dato la disponobilità a fare la nostra parte”.

A tale scopo, la commissione che si occupa delle emergenze idriche all’interno dell’Agenzia provinciale per l’ambiente ha immediatamente avanzato la proposta di impegnare la società energetica pubblica Alperia a ridurre le quantità di acqua utilizzate a scopi idroelettrici proprio per garantire che il fiume Adige abbia una portata maggiore. Una scelta sposata dal presidente Kompatscher, il quale ha firmato il relativo decreto, e fa appello al senso di responsabilità della popolazione, chiamata a limitare al minimo ogni tipo di spreco. “Nel breve e medio periodo – commenta il Landeshauptmann – possiamo sperare nelle pioggie, ma a lungo termine sono necessarie misure strutturali per migliorare l’efficienza nell’utilizzo delle risorse idriche, in maniera particolare in agricoltura”. Il direttore dell’Agenzia per l’ambiente, Flavio Ruffini, conclude ricordando che “una simile carenza di acqua si è verificata solo agli inizi del decennio scorso, e il tutto è acuito dal fatto che il brusco calo delle temperature abbia costretto gli agricoltori ad azionare i sistemi di irrigazione contro le gelate”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136