QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Economia trentina, il 2015 è stato il primo anno di ripresa dell’attività

venerdì, 1 luglio 2016

Trento – I dati sulla congiuntura economica in Trentino. Oltre agli aggiornamenti, periodicamente diffusi attraverso il bollettino trimestrale sulla congiuntura, l’Ufficio studi e ricerche della Camera di Commercio elabora annualmente la pubblicazione “Note sulla situazione economica in provincia di Trento”. Si tratta di una raccolta di dati che fornisce un quadro complessivo dell’andamento economico provinciale, riferito all’annata precedente (in questo caso il 2015), completato da alcune statistiche di carattere socioeconomico che permettono di delineare il momento congiunturale e l’evoluzione strutturale dell’economia trentina nel corso degli ultimi anni (Nella foto a destra Giovanni Bort presidente della Camera di Commercio).

Camera di Commercio Trento presidente Bort

Dai dati rilevati nell’ambito dell’indagine trimestrale sulla congiuntura è emerso come il 2015 possa essere considerato un anno di ripresa. Si è trattato tuttavia di una ripresa parziale in quanto il recupero si è manifestato con un’intensità modesta e solo negli ultimi tre mesi dell’anno ha lasciato intravedere i presupposti per un’accelerazione. Inoltre la ripresa non ha interessato tutti i settori economici e tutte le classi dimensionali; in particolare, non si è manifestata presso la grande maggioranza delle unità più piccole, con meno di 5 addetti, mentre è stata significativa presso le imprese di medio grande dimensione. Si è trattato, infine, di un recupero peculiare, perché non ha avuto effetti positivi sul piano occupazionale.

L’andamento particolarmente negativo dell’occupazione rappresenta l’aspetto più preoccupante dell’anno appena trascorso: solo le imprese più grandi e i settori manifatturiero e dei servizi alle imprese hanno lasciato intravedere qualche spiraglio favorevole, in un contesto ancora marcatamente negativo (-1,6% il dato occupazionale annuale).

L’aumento complessivo del fatturato registrato dalle imprese trentine rispetto al 2014 (+2,1%) è stato determinato dal rilevante apporto della domanda interna nazionale (+5,2%), intercettata da un numero limitato di imprese di medio-grande dimensione. Le esportazioni nel 2015, frenate dalle prospettive incerte del commercio internazionale, hanno avuto invece un andamento meno favorevole (+0,9%) rispetto agli anni precedenti. La domanda locale ha invece evidenziato una crescita su base tendenziale dell’1,2%.

L’analisi della demografia d’impresa rileva al contempo una situazione in miglioramento. Al 31 dicembre 2015, presso il Registro delle imprese della Camera di Commercio di Trento, risultavano iscritte 51.529 imprese, di cui 11.863 appartenenti al settore agricoltura, silvicoltura e pesca. Le aziende attive sono risultate 46.911, in aumento dello 0,2% rispetto al 2014 dopo un trend negativo che ha caratterizzato i sei anni precedenti.

Il numero delle imprese cancellate è diminuito su base tendenziale portandosi su un valore pari a 2.448 (2.932 nel 2014), mentre il numero delle nuove imprese iscritte è aumentato raggiungendo le 2.862 unità (2.725 nel 2014). Il saldo tra iscrizioni e cancellazioni, dopo otto anni consecutivi di segno negativo, ha quindi registrato a fine 2015 una variazione positiva pari a 414 unità. 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136