QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

DL vaccinazioni, ridotte le sanzioni. Panizza (PATT): “Più informazione, meno repressione”

giovedì, 13 luglio 2017

Roma – E’ iniziata in aula al Senato la votazione sugli emendamenti al decreto legge sulle vaccinazioni presentante dal Governo. “Esprimo soddisfazione perché lo spirito di tutti gli emendamenti presentati dal Gruppo per le Autonomie è stato recepito in commissione ed oggi approvato dall’aula”, così in una nota il Senatore e vicepresidente del Gruppo per le Autonomie, Franco Panizza (nella foto): ”In particolare – prosegue – oggi è stata rimossa la segnalazione all’autorità giudiziaria per i genitori che non fanno vaccinare i loro figli ed eliminata la possibilità di togliere la potestà genitoriale. Non solo, ma sono state fortemente ridotte le sanzioni per chi non sottopone i propri figli a vaccinazione, come previsto anche in un emendamento a mia prima firma. L’emendamento approvato riduce la sanzioni del testo originario (dalla cifra minima di 500 euro e massima di 7500 euro), ad un minimo di 100 euro ed un massimo di 500 euro.Franco Panizza 1

Nel testo finora approvato al Senato è stato inoltre dato maggior peso all’informazione e all’educazione prima che alla repressione. “Senza rinunciare all’obbligatorietà delle vaccinazioni – conclude il senatore Panizza – si è cercato di favorire la gradualità dell’applicazione con l’intento di convincere prima che di sanzionare”. Il testo è destinato a migliorare anche con gli emendamenti che saranno discussi e votati la settimana prossima e che seguono le indicazioni fornite dalla coalizione che governa la Provincia di Trento.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136