QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Dialogo Grigioni-Lombardia su viabilità e frana Cengalo, Parolo: “Volontà di dare risposte a territorio”

venerdì, 29 settembre 2017

Coira – “Si e’ trattato di un primo incontro molto cordiale e franco, che ha visto al centro i temi dell’accessibilita’, attraverso i passi alpini, e la situazione della frana in val Bregaglia”. ugo paroloCosi’ il sottosegretario di Regione Lombardia con delega alla Montagna, Ugo Parolo, a proposito dell’incontro, a Coira, capitale del Cantone dei Grigioni (CH), con Mario Cavigelli, consigliere di Stato, nonche’ attuale vice presidente e direttore del Dipartimento Costruzioni, Trasporti e Foreste del Cantone dei Grigioni, e il suo staff.

“Gli argomenti trattati sono stati parecchi e alcuni di grande complessita’, anche per le differenti competenze tra il Cantone e la Regione e per i limiti delle differenti normative, ma valuto positivamente la volonta’ comune di collaborare insieme per cercare di dare risposte ai rispettivi territori” spiega il sottosegretario.

FRANA DEL CENGALO – “Per quanto riguarda la frana del Cengalo - racconta – si e’ ribadita la piena disponibilita’ tra le parti a collaborare nella gestione coordinata degli interventi necessari per il ripristino ambientale ed idrogeologico. Circa la viabilita’ alpina, si e’ discusso in particolare della necessita’ di regolamentare in modo piu’ opportuno l’apertura dei Passi della Forcola e dello Spluga, delle modalita’ di utilizzo del tunnel Munt la Schera e del progetto di valorizzazione dello Stelvio/ Umbrail.

FORCOLA, TUNNEL MUNT, SPLUGA E STELVIO – “In particolare - spiega -, per quanto concerne la Forcola, esistono rigidita’ normative e politiche manifestate dal Cantone dei Grigioni che dovranno essere oggetto di ulteriori valutazioni e per il tunnel Munt la Schera di Livigno si e’ convenuto di favorire il rapporto tra la societa’ EKW proprietaria dell’infrastruttura e il Comune di Livigno, contemperando le aspettative di maggiore fruizione e la necessita’ di garantire comunque sicurezza agli utenti. Inoltre, per il passo dello Spluga si e’ deciso di garantire la partecipazione dei rappresentanti del territorio lombardo alla commissione che decide i periodi di chiusura invernale e si e’ valutato molto positivamente il dialogo in atto a livello locale, anche in un’ottica di gestione integrata degli impianti sportivi che interferiscono con la viabilita’. Piena condivisione tra le parti e’ emersa per il progetto di valorizzazione del Passo dello Stelvio, anche tramite lo studio di una maggiore transitabilita’ invernale dell’Umbrail. Infine si e’ discusso dello studio di prefattibilta’ del traforo dello Stelvio con il possibile coinvolgimento anche elvetico in Val Moustair”.

NUOVO INCONTRO A MILANO – “Ogni parte fara’ ora i dovuti approfondimenti – annuncia responsabile della Montagna di Palazzo Lombardia – in vista di un prossimo incontro, che pero’ questa volta si terra’ a Milano”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136