QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Darfo, la storia di Corna nelle parole del suo parroco: ecco l’opera di don Ilario Vivenzi

lunedì, 3 aprile 2017

Darfo – “Un libro è sempre lo strumento più autorevole per tracciare un segno nella storia: una testimonianza indelebile del racconto di una comunità che vive e cambia”.

Ezio Mondini sindacoDarfoQuesto è il pensiero che ha ispirato la realizzazione del volume “Note storiche sulla parrocchia di Corna” di don Ilario Vivenzi: un lungo sguardo sul passato della storia di Corna che legge la comunità nella quale le vicende, gli incontri, le idee si intrecciano nella memoria  e fanno scorgere i forti legami che uniscono le persone ai luoghi, i sentimenti religiosi e l’anima civile di un popolo. Un volume che rivede i volti e le relazioni attraverso gli studi di un parroco attento osservatore della sua comunità, pur fondato su una solida documentazione archivistica.

Noi siamo il frutto delle esperienze del passato – dichiara Ezio Mondini, sindaco della Città di Darfo Boario Terme -. Tutti noi siamo il risultato di quello che siamo stati noi e la comunità nella quale abbiamo vissuto. Una memoria collettiva che ci unisce e che ci rende consapevoli del nostro essere”.

L’Amministrazione Cittadina guidata da Ezio Mondini ha espresso l’esigenza di rappresentare la storia delle persone e delle trasformazioni culturali, perché in essa trova espressione e senso il processo di modernizzazione; senza la conoscenza delle reti di relazioni sociali di allora non potremmo comprendere in profondità la formazione e lo sviluppo dell’oggi più vicino.

Don Ilario Vivenzi ci ha regalato questi preziosi scritti fin da quando iniziò a pubblicare a puntate sul Bollettino Parrocchiale la “sua”storia, racconti di famiglie e persone assolutamente normali che esprimono proprio il cuore e la vita vera della comunità – aggiunge Giacomo Franzoni, Assessore alla Cultura cittadino -. Un racconto che fonde l’essenza mistica e secolare di personaggi nei quali ciascuno si potrebbe riconoscere”.

Una raccolta curata da Adolfo Zeziola che ha saputo rendere scorrevole il racconto e che ha magistralmente reso attuale la piacevole ironia di Don Ilario nei fatti e negli aneddoti che fanno sorridere.

A nome di tutti i darfensi e dell’amministrazione comunale, vogliamo esprimere un ringraziamento a quanti hanno contribuito a restituire a Corna un pezzo della sua storia, facendosi intelligenti interpreti dell’appassionato progetto di ricostruire un tassello della nostra memoria”, conclude l’assessore Franzoni. Il volume, dedicato agli abitanti della frazione cittadina, sarà posto in vendita nelle librerie.

“Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L’opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in sé stesso”, Marcel Proust.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136