QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Darfo Boario Terme: violenza sulle donne, ultimo atto del corso di formazione presso il Comune

venerdì, 14 ottobre 2016

Darfo Boario Terme – Violenza sulle donne: l’aiuto richiede la formazione. Si avvia alla conclusione il corso di formazione per operatrici volontarie addette all’accoglienza di donne in difficoltà a Darfo Boario Terme (Brescia).fiacolata violenza donne

Domani – sabato 15 ottobre – con inizio alle 8.30 presso la sala riunioni dell’ufficio tecnico comunale di Darfo Boario Terme, in via Lorenzetti, si svolgerà l’ultima giornata del Corso di Formazione per operatrici volontarie addette all’accoglienza di donne in difficoltà. Presso lo sportello antiviolenza di Darfo Boario, in via Barbolini, il servizio funziona dal 2014.

L’incontro inizierà alle 8.30 per concludersi alle 16.30. Durante la giornata i componenti della Rete Territoriale Interistituzionale contro la violenza sulle donne presenteranno le attività, i servizi e i ruoli dei rispettivi enti e associazioni.

Nei tre incontri precedenti sono stati affrontati i temi riguardanti i diversi aspetti e le problematiche collegati alla violenza contro le donne: leggi inerenti al tema, aspetti sociali, culturali, psicologici e legali.

Dopo la parte teorica di trenta ore, seguirà il tirocinio pratico per sessanta ore che si svolgerà presso gli sportelli di “Casa delle Donne” di Brescia e di Darfo Boario Terme, con la guida di operatrici e professioniste qualificate e di lunga esperienza.

Al corso hanno aderito numerosi partecipanti che fino ad ora lo hanno frequentato con serietà e forte motivazione. La finalità di questa iniziativa è rendere più efficace il servizio offerto dallo sportello, grazie alla presenza di personale preparato umanamente, psicologicamente e professionalmente. Con le operatrici volontarie formate dal corso, sarà possibile anche ampliare gli orari di apertura dello sportello e, in un secondo tempo, aprirne uno per l’alta Valle, dal momento che anche nel nostro territorio il fenomeno della violenza sulle donne è molto diffuso e il centro antiviolenza di Brescia è lontano e difficile da raggiungere per la maggior parte delle donne in difficoltà.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136