QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Darfo Boario Terme: più sicurezza con il nuovo impianto di videosorveglianza

venerdì, 20 maggio 2016

Darfo Boario Terme – Una città da vivere, in sicurezza. E’ partito il progetto di recupero e realizzazione dell’impianto di videosorveglianza per il monitoraggio di alcune aree della città.

SICUREZZA

Un termine che racchiude in sé il benessere sociale, la qualità della vita, la percezione di vivere in una città tranquilla. Rispetto a molte città bresciane e lombarde, certamente a Darfo Boario Terme non si può parlare di allarme, di disagio, di malessere. Certamente, in territorio di 36Kmq e quasi 16.000 abitanti, vi sono alcune aree ritenute “critiche” che necessitano di un monitoraggio più attento da parte delle forze di polizia: un apparato che scoraggi chi abbia intenzione di compiere atti che danneggiano persone e cose in città.

Ezio Mondini sindacoDarfo

“La nostra idea di città è legata a una vivibilità e fruizione che si esprime attraverso progetti di illuminazione, di abbellimento, di cura dei luoghi –dichiara il Sindaco cittadino Ezio Mondini (nella foto) - uno fra tutti, l’esempio delle nuove pensiline dell’Autostazione. Il design che si integra con l’architettura della città e la nuova illuminazione non solo abbelliscono la piazza, ma ne accrescono anche la sicurezza. Tutto ciò, però, non è sufficiente. Per questa ragione abbiamo previsto un sistema che, nel pieno rispetto della privacy dei cittadini onesti, costituisca un deterrente nei confronti dei malintenzionati”.

IL PIANO

In particolare, il piano ha studiato tre differenti step di azione: il primo prevede il recupero della parte di impianto di videosorveglianza non più funzionante, ma già presente sul territorio, presso i siti ritenuti tutt’ora sensibili (Municipio, Autostazione, Piazza Mercato, Capo di Lago, Passerella pedonale).

La seconda azione del piano prevede l’installazione di “portali” di controllo dei varchi sulle principali arterie di accesso alla città al fine di controllare i transiti e gli ingressi alla città (Via Roccole, Via Quarteroni, Via Aria Libera e Via Cappellini). Il terzo intervento programmato per il futuro vedrà l’implementazione dell’impianto esistente con l’attivazione di nuovi punti di ripresa (Parco delle Terme, incrocio Via Galassi-Via Manifattura, area parcheggi Centro Congressi, vicinanze Scuola Media Darfo 2, vicinanze Istituto Tecnico “Olivelli”).

Il progetto complessivo ammonta a 135mila euro, che beneficia di un contributo della Comunità Montana pari a 30mila euro; il restante a carico delle casse comunali.

COMANDO POLIZIA LOCALE

Ad oggi hanno preso il via i lavori di installazione di un nuovo impianto wireless potenziato con ripetitori e access point visibili tra di loro, nuove apparecchiature e software di videocontrollo collegate con la moderna centrale operativa presso il Comando di Polizia Locale e in connessione con locale Stazione Carabinieri. Il wireless beneficerà di una banda riservata (quindi indipendente dalla rete informatica comunale) al fine di garantire il funzionamento ottimale del sistema di trasmissione e visualizzazione immagini e senza interferenze con la gestione informatica dei servizi comunali.

Le telecamere installate sono in grado di fornire delle prestazioni straordinarie con una visione notturna ottimale anche in condizioni atmosferiche avverse e, grazie ad un apposito software, permettono di leggere e decodificare le targhe in modo da inserirle in un elenco facilmente consultabile.

Le aree sottoposte a videosorveglianza saranno segnalate con la presenza di appositi cartelli che rispondono non solo al dettato normativo, ma svolgono la prima funzione deterrente.

“Il nostro impegno –conclude il Sindaco Mondini- tende alla cura della sicurezza intesa come pacifica e costruttiva convivenza, assieme a tutte quelle azioni che possono invece servire a rasserenare i nostri concittadini. Un impegno di miglioramento della qualità della vita che stiamo esprimendo su molti fronti che vogliamo continui a caratterizzare il nostro mandato”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136