QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Darfo Boario Terme: l’asilo nido “La Chioccia” chiuderà il 31 agosto. Le reazioni

mercoledì, 25 marzo 2015

Darfo Boario Terme – L’asilo asilo nido comunale “La Chioccia” chiuderà il 31 agosto. La parola definitiva è arrivata dal Comune che, dopo incontri e nonostante la voce di protesta delle famiglie, non ha fatto retromarcia e ha deciso di chiudere la struttura, un punto di riferimento da più di trent’anni. Le reazioni dei genitori, che avevano partecipato a una serie di incontri in municipio e in un’occasione – c’era stata anche un’apertura per trovare una soluzione e le risorse (150mila euro)  a far proseguire l’esperienza dell’asilo nodo, non sono servite.

Nelle scorse settimane la presiasilo la chioccia Darfo Boariodente della Commissione Pari Opportunità del Comune, Anna Laura De Giorgi, ha portato la questione della chiusura dell’asilo nido comunale “La Chioccia”, in commissione con l’obiettivo di avviare il confronto tra Commissione, famiglie e insegnanti, poi erano intervenuti consiglieri e l’assessore ai Servizi Sociali, Luigina Gaioni, quest’ultima in qualità di membro della commissione aveva spiegato le motivazioni e la decisione dell’amministrazione.

L’ipotesi di trovare risorse per proseguire l’attività sono definitivamente tramontate in Consiglio comunale: il sindaco Ezio Mondini, la Giunta  e la maggioranza hanno deciso per la chiusura. Lo stesso primo cittadino ha ribadito che la chiusura de “La Chioccia” è un atto sofferto per l’Amministrazione comunale. Inoltre l’assessore ai servizi sociali ha illustrato che ci sono altre strutture presenti, a costi anche inferiori e che per i trenta bambini che frequentano “La Chioccia” ci sono tre asili nido nell’arco di pochi chilometri. In discussione restano i problemi del personale comunale che sarà ricollocato, mentre verrà meno l’attività della Cooperativa che partecipava alla gestione del servizio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136