Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
w

Ad
Ad
 
Ad


Covid-19, cala la pressione sulle strutture ospedaliere di Valtellina e Valchiavenna

lunedì, 30 novembre 2020

Sondalo – L’ultimo giorno di novembre porta con sé la buona notizia della diminuzione della pressione sulle strutture sanitarie della provincia di Sondrio: dopo essere saliti a un massimo di 198 mercoledì scorso, il decremento di venerdì, nove in meno, si è confermato oggi, con il totale dei ricoverati che è sceso a 185. Tra questi i malati gravi curati in Terapia intensiva sono però ancora 13. Il dato è molto incoraggiante, tenuto conto che da inizio ottobre l’aumento era stato costante: dai 15 di allora si era saliti ad oltre cento alla fine dello stesso mese, fino a sfiorare i 200 la settimana scorsa. La crescita sembra essersi fermata sotto la soglia dei 200 che, invece, era stata superata nello scorso mese di aprile, durante la prima ondata, arrivando a 220 ricoverati complessivamente. Soltanto nove i nuovi ricoveri negli ultimi tre giorni, mentre fino alla settimana scorsa se ne contavano una ventina al giorno. Da venerdì si sono registrati sei decessi, cinque uomini e una donna, di cui uno nato negli anni Venti, due negli anni Trenta, due negli anni Quaranta e uno negli anni Cinquanta.

“Il dato è incoraggiante e ci fa sperare in un’evoluzione positiva – sottolinea il direttore generale Tommaso Saporito -, ma la situazione continua ad essere critica con molti malati, alcuni gravi, ricoverati nei nostri ospedali e nuovi contagi. Se la diminuzione è il risultato delle restrizioni, delle chiusure e dei comportamenti adottati, oggi è ancora più importante continuare a proteggersi, utilizzando le mascherine e sanificando o lavando spesso le mani, per frenare la diffusione del coronavirus, uscendo di casa solo per reali necessità ed evitando i luoghi affollati. Dobbiamo continuare su questa strada, con impegno e spirito di sacrificio, per fare in modo che malati e contagi diminuiscano ulteriormente nelle prossime settimane”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136