Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Collegamento sciistico Belpiano-Alpe Muta, ok al progetto

mercoledì, 7 marzo 2018

Belpiano – Ok della Giunta provinciale altoatesina al progetto esecutivo per il collegamento delle aree sciistiche di Belpiano e Alpe della Muta. Accolte le indicazioni del Comitato ambientale.

belpianoNuove opportunità per l’area sciistica di Belpiano. Collegamento sciistico Belpiano-Alpe Muta, ok dalla Giunta provinciale a progetto esecutivo. Il progetto esecutivo per il collegamento sciistico degli impianti Alpe della Muta/Haideralm e Belpiano/Schöneben nel comune di Curon Venosta, è stato sottoposto alla Giunta provinciale dall’assessore Richard Theiner, ottenendo l’approvazione. L’esecutivo ha fatto proprie le 50 indicazioni e le prescizioni riferite alla concretizzazione dell’opera formulate dal Comitato ambientale il 31 gennaio 2018. Il comitato ha espresso parere favorevole al progetto perché corrispondente allo studio di fattibilità e all’idea di massima e in quanto recepisce le proprie prescrizioni precedentemente imposte dalla Giunta. Con il progetto è stato approvato anche il regolamento della concessione idrica per la produzione di neve artificiale con prelievo dal Rio Vallaccia.

Le prescrizioni del Comitato ambientale si riferiscono alle movimentazioni di terreno, agli abbattimenti di alberi, alle opere di protezione, ai rinverdimenti, agi scavi, alle perizie idrogeologiche, alla gestione del cantiere al fine di tutelare superifici di pregio ecologico e ai successivi rinverdimenti e rinaturazioni. È stata inoltre stabilita l’esecuzione di misure di compensazione ecologica-paesaggistica, quali lavori di risanamento della zona boschiva, opere antivalanghe e miglioramenti dell’habitat degli animali, in particolare del gallo forcello, per un importo di 330mila euro. Per evitare il rischio di collisione dei galliformi con le funi dell’impianto di risalita Höllental, infatti, il Comitato chiede che venga migliorata la visibilità delle funi nel bosco indicando l’opportunità di realizzare una fascia di vegetazione bassa su entrambi i lati del tracciato.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136