Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Coldiretti avverte il Governo Conte: “Riaprite la ristorazione o sarà crack per il Made in Italy”

lunedì, 11 maggio 2020

Brescia – Coldiretti avverte il Governo Conte: con lo stop ai ristoranti l’alimentare perde un miliardo e 500 milioni. “Vanno anticipate le riaperture per salvare Made in Italy da crack storico”, sostengono alla Coldiretti.

In controtendenza rispetto ai mesi precedenti crolla per la prima volta nel 2020 anche la produzione alimentare con una perdita di oltre 1,5 miliardi a marzo per la chiusura di bar, ristoranti pizzerie, gelaterie e agriturismi. E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento ai dati Istat sulla produzione alimentare che segna una riduzione del 6,5% a marzo rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

“In questo contesto è particolarmente rilevante l’annuncio del Governo e delle regioni sulla possibile riapertura delle strutture di ristorazione per far ripartire una importante fetta dell’economia nazionale. Il lungo periodo di chiusura – sottolinea la Coldiretti – sta pesando su molte imprese dell’agroalimentare Made in Italy, dal vino alla birra, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura ma anche su salumi e formaggi di alta qualità che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco e sui quali gravano anche le difficoltà all’esportazione con molti Paesi stranieri che hanno adottato le stesse misure di blocco alla ristorazione”. “La spesa degli italiani per pranzi, cene, aperitivi e colazioni fuori casa prima dell’emergenza coronavirus – conclude la Coldiretti – era pari al 35% del totale dei consumi alimentari degli italiani”.

CRACK COMMERCIO TRAVOLGE 6 AZIENDE AGRICOLE SU 10

La crisi del commercio si trasferisce a cascata sulla produzione agroalimentare con 6 aziende su 10 (58%) che hanno registrato una diminuzione dell’attività. E’ quanto emerge dall’indagine Coldiretti/Ixe’ in riferimento all’allarme lanciato da Confcommercio sul rischio chiusura che riguarda soprattutto 45mila strutture della ristorazione nonché il commercio ambulante.

Un mercato di sbocco vitale per molte imprese dell’agroalimentare Made in Italy, dal vino alla birra, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura ma anche su salumi e formaggi di alta qualità che – sottolinea la Coldiretti – trovano nel consumo fuori casa un canale privilegiato di vendita e sulle quali gravano anche le difficoltà all’esportazione con molti Paesi stranieri che hanno le stesse difficoltà.

In gioco c’è una filiera che, allargata dai campi agli scaffali fino alla ristorazione, – continua la Coldiretti – vale 538 miliardi di euro e offre lavoro a 3,6 milioni di persone. Un sistema che – precisa la Coldiretti – coinvolge di 740mila aziende agricole, 70mila industrie alimentari e 230mila punti vendita in Italia, tra ipermercati (911) supermercato (21101), discount alimentari (1716), minimercati (70081 e altri negozi (138000) oltre a 330mila imprese impegnate nella ristorazione, tra bar e ristoranti.

In questo contesto è particolarmente rilevante l’annuncio del Governo e delle regioni sulla possibile riapertura delle strutture di ristorazione per far ripartire una importante fetta dell’economia nazionale con la spesa degli italiani per pranzi, cene, aperitivi e colazioni fuori casa che prima dell’emergenza coronavirus – evidenzia la Coldiretti – era pari al 35% del totale dei consumi alimentari degli italiani.

“L’agricoltura italiana ha bisogno di una robusta iniezione di liquidità come evidenziato dal piano Marshall elaborato da Coldiretti. L’emergenza Covid 19, che pure sta confermando il valore strategico dell’agroalimentare, ne sta però mettendo a nudo tutte le fragilità” ha affermato il presidente di Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare che “se è vero che agricoltura, industria di trasformazione e distribuzione stanno tenendo duro, non si può negare che molte filiere siano in profonda crisi”.

A rischio ci sono la sovranità alimentare del Paese con un sistema nazionale che – conclude la Coldiretti – poggia sui risultati dell’agricoltura Made in Italy che si classifica al primo posto a livello comunitario per numero di imprese e valore aggiunto grazie a primati produttivi, dal grano duro per la pasta al riso, dal vino alla gran parte dei prodotti ortofrutticoli fino alla leadership nei prodotti di qualità come salumi e formaggi.

di Chiara Panzeri



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136