QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Chiusura distaccamenti Polizia Stradale di Iseo e Salò. Il caso finisce in Regione, intervento di Rolfi

martedì, 11 novembre 2014

Brescia – Chiusura distaccamenti di Polizia stradale. “La confermata decisione di chiudere i distaccamenti di polizia stradale di Salò e Iseo – afferma Fabio Rolfi, vice capogruppo della Lega Nord in Regione – nonché il posto di polizia di frontiera di Montichiari (proprio quando si aprono prospettive concrete per il rilancio dell’aeroporto bresciano), rappresenta l’ennesimo duro e pesante colpo al contrasto della criminalità organizzata e al rispetto delle leggi sul territorio bresciano. In pratica sarà quasi azzerata la polizia stradale in una Provincia molto estesa che è ancora al top per numero di incidenti stradali. A questa scelta seguirà un inevitabile aumento di reati e sinistri stradali.”

“Il Governo Renzi-Alfano si sta dimostrando sordo verso le istanze delle forze dell’ordine, dei sindaci del territorio e dello stesso Consiglio regionale, che aveva chiesto con voto a larga maggioranza di non sopprimere i distaccamenti di polizia. A quanto pare, nonostante ciò che viene riportato quotidianamente dai giornali nelle pagine di cronaca nera, i fatti dimostrano che per chi presiede l’Esecutivo il problema della sicurezza sul nostro territorio non esiste affatto”. “Come rappresentante della Lombardia non posso esimermi dal manifestare la mia totale contrarietà a questa operazione, esprimendo inoltre pieno sostegno all’azione della polizia e delle forze dell’ordine. Per queste ragioni ho chiesto un’immediata ed urgente audizione dei sindacati di polizia in Commissione Antimafia di Regione Lombardia, affinché possano portare a conoscenza dei consiglieri regionali – conclude Fabio Rolfi – l’effetto disastroso in termini di riduzione del contrasto della criminalità e dell’attività preventiva che questi ridimensionamenti produrranno”.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136