Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Cerimonia a 100 anni del trattato di pace di Saint-Germain

martedì, 10 settembre 2019

Innsbruck - Il presidente Kompatscher a Innsbruck per la cerimonia dei 100 anni dalla divisione del Tirolo. Il futuro dell’Alto Adige rimane l’autonomia in un contesto sempre più europeo.

Saint-Germain

(Nella foto - credit Land Tirol/Berger - Arno Kompatscher, l’assessora trentina Giulia Zanotelli , la presidente del Consiglio provinciale tirolese Sonja Ledl-Rossmann, Felix Mitterer e Günther Platter)

Seduta commemorativa del Consiglio provinciale tirolese questa mattina a Innsbruck per ricordare i 100 anni del trattato di pace di Saint-Germain che sancì non solo la fine della prima guerra mondiale, ma anche il passaggio dell’Alto Adige all’Italia e, di conseguenza, la divisione del Tirolo. Nel suo intervento, il presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, ha ricordato quelle che all’epoca furono “decisioni dolorose” che delusero le speranze della popolazione locale. Il Landeshauptmann, però, ha anche posto l’accento sull’importanza di una collaborazione e di una cooperazione in grado di guardare al futuro superando i confini.

Il futuro è nell’autonomia in Europa

A proposito di confini, Kompatscher ha ricordato che “quello del Brennero è frutto di una stagione dominata dall’imperialismo e dal nazionalismo, da ideologie sbagliate che più tardi divennero il simbolo delle ingiustizie e delle sofferenze patite dai sudtirolesi”. La storia, però, ha dimostrato che al di qua e al di là del Brennero si è comunque riusciti a trovare il modo per superare le oggettive difficoltà puntando sulla collaborazione e sul compromesso. “Per l’Alto Adige, a 100 anni dalla “separazione” dal resto del Tirolo, il futuro è e rimane nell’autonomia – ha detto il Landeshauptmann – un’autonomia inserita all’interno di un contesto sempre più europeo”.

Pacifica convivenza, eredità per il futuro

Proprio l’Europa, dopo la guerra, ha scelto la strada della cooperazione e della collaborazione in grado di superare i confini, “e da questo punto di vista – ha sottolineato Arno Kompatscher – l’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino rappresenta la cornice più adeguata per rafforzare la capacità di lavorare e crescere assieme di questi territori. Sia livello tirolese che a livello europeo, infatti, sono molte di più le cose che ci uniscono rispetto a quelle che ci dividono”. Rimarcando l’importanza di ricordare momenti storici come il trattato di pace di Saint-Germain, il presidente altoatesino ha concluso il suo intervento con un appello rivolto al futuro. “A 100 anni di distanza da Saint-Germain possiamo dire che la pacifica convivenza è un valore aggiunto e un patrimonio inestimabile che dobbiamo coltivare e tutelare ogni giorno in modo tale da poterlo lasciare in eredità ai nostri figli e ai nostri nipoti”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136