QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Cento anni fa la fondazione del Coni: festa anche in Trentino

domenica, 8 giugno 2014

Trento - Cento anni fa veniva fondato il CONI, Comitato Olimpico Nazionale Italiano, che oggi a Trento e in tante altre piazza italiane festeggia questa ricorrenza.

Il presidente del Coni provinciale Giorgio Torgler ha ricordato i numeri del movimento sportivo trentino che con 12.000 società e 100.000 tesserati si pone su livelli di eccellenza. L’assessore provinciale allo sport Tiziano Mellarini ha chiesto che per promuovere il settore vi sia maggiore gioco di squadra fra tutti i soggetti coinvolti, annunciando che in estate sarà varata la nuova legge provinciale sullo sport.

12.000 società sportive, 100.000 tesserati, 15.000 volontari che ogni anno lavorano per organizzare 17.000 giornate gara. Questi i numeri dello sport trentino evidenziati dal presidente del Coni provinciale Giorgio Torgler che con un lungo e appassionato intervento ha aperto oggi in piazza Battisti a Trento, nell’ambito della giornata nazionale dello sport, le celebrazioni per i 100 del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, fondato il 9 e 10 giugno del 1914.

Torgler ha ricordato le 21 medaglie olimpiche conquistate da atleti trentini in questi 100 anni e gli oltre 1600 titoli italiani assoluti, che pongono lo sport trentino su livelli di eccellenza, anche per la qualità delle strutture sportive e per le grandi manifestazioni internazionali organizzate. “Lo sport, ha aggiunto Torgler, è un fenomeno sociale di coesione ed inclusione al servizio della comunità, con una grande valenza formativa”. “Il biglietto da visita delle sviluppo di un paese, ha aggiunto, che mette al centro il benessere dei cittadini”.

Parole sante per l’assessore Mellarini che – restando nella metafora – ha scherzosamente commentato l’intervento di Torgler (“il Vangelo di San Giorgio”) per poi ricordare un altro recente “miracolo”, quello dell’Aquila Basket a cui sono andati di nuovo i complimenti dell’Amministrazione provinciale.

“Per sostenere e promuovere lo sport, ha detto Mellarini, occorre portare avanti un gioco di squadra, che veda coinvolte le istituzioni sportive, quelle politiche, ma anche le famiglie e il mondo della scuola”. “Abbiamo il dovere – ha detto Mellarini che ha portato il saluto e l’impegno convinto del presidente Rossi – di trasmettere ai giovani i valori che arrivano dal mondo dello sport che rappresenta un elemento di crescita e di sviluppo della nostra terra”. Per questo, ha aggiunto “non mancherà l’impegno finanziario della Provincia a sostengo dello sport trentino”. Mellarini ha poi annunciato che nel corso dell’estate dovrebbe vedere la luce la nuova legge provinciale sullo sport, che servirà a fornire nuovi e più adeguati strumenti per gestire al meglio le politiche in materia sportiva, ricordando che il settore è anche un importante volano economico, se si pensa ai grandi eventi internazionali organizzati in Trentino.

“Occorre, tuttavia, ha concluso Mellarini, indirizzare i nostri obiettivi sullo sport pensando che questo settore contribuisce a formare i nostri giovani e a dare loro valori che si trasformano poi in risorse utili alla loro crescita”. Sul palco di piazza Battisti, sono poi saliti una cinquantina di ragazzi che hanno aderito al progetto “Talenti sportivi”, sostenuto dalla Provincia, che si pone l’obiettivo di preparare e crescere alcuni ragazzi talentuosi attraverso un percorso condiviso, di medio – lungo termine, che “accompagni” e supporti il giovane talento nel crescere e nel diventare “campione”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136