Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Carburante agricolo, ecco la nuova direttiva sulle agevolazioni. Panizza (Patt): “Va nella direzione giusta”

venerdì, 19 gennaio 2018

Trento – Agevolazioni carburante agricolo, il senatore Panizza (Patt): “Bene la nuova direttiva dell’Agenzia Dogane e Monopoli”.  “Per le agevolazioni sul carburante agricolo non sarà più obbligatorio presentare i contratti scritti registrati compresi quelli in comodato. L’Agenzia delle dogane e dei Monopoli, con una circolare dello scorso 16 gennaio, accoglie così le preoccupazioni delle organizzazioni agricole e degli operatori di settore e su cui più volte, avevo sollecitato un intervento con una serie di iniziative anche in ambito parlamentare, da ultimo alcuni emendamenti presentati alla legge di bilancio”, lo annuncia il vicepresidente del Gruppo per le Autonomie e segretario politico del PATT, senatore Franco Panizza.

Senatore Franco Panizza 1

“Con la nuova circolare – spiega Panizza – viene introdotta la possibilità di comprovare il titolo di conduzione attraverso un’autocertificazione nella quale l’esercente comodatario attesta l’esclusività del terreno sul quale dovranno essere eseguite le lavorazioni agricole, indicando il numero della particella fondiaria e la relativa estensione”.

Un’identica dichiarazione dovrà essere presentata dal proprietario fondiario comodante che attesti l’avvenuta disponibilità del terreno al soggetto comodatario. Le due dichiarazioni possono essere fatte anche in maniera congiunta.

“Infine – prosegue Panizza – nel caso di ulteriori forme semplificate di conduzione di fondi rustici di ridotta estensione, è sufficiente che il soggetto iscritto all’anagrafe delle aziende agricole alleghi alla richiesta di agevolazione un’autocertificazione sull’esclusiva disponibilità del terreno. Con questa nuova circolare si supera così quella del 15 settembre che aveva generato enormi preoccupazioni nell’intero mondo agricolo di montagna e di cui si era fatto carico anche l’assessorato all’Agricoltura della Provincia Autonoma di Trento. Del problema avevo interessato tempestivamente il direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Giovanni Kessler, il quale, anche per la sua diretta conoscenza della nostra realtà, si è subito attivato per risolvere la soluzione.

Le zone montane sono infatti caratterizzate da un’esasperata parcellizzazione. Solo in Trentino gli agricoltori avrebbero dovuto produrre contratti di comodato e/o di affitto regolarmente registrati per circa 13mila particelle a prato stabile. È del tutto evidente che i costi economici e di tempo non sarebbero stati sostenibili. E moltissimi agricoltori si sarebbero ritrovati costretti a rinunciare alla agevolazione per il carburante agricolo”.

La nuova circolare si allinea anche a quelle politiche di semplificazione burocratica che in questi anni come sottolinea il senatore Panizza “Come autonomisti trentini, abbiamo fortemente sollecitato e sostenuto”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136