QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Campione d’Italia: il casinò ha chiuso il 2015 con 95 milioni di proventi. Pagan: “Straordinaria tenuta”

sabato, 2 gennaio 2016

Campione d’Italia – Il casinò conferma l’andamento positivo dal 2012: 95 milioni di proventi lo scorso anno. E’ tempo di bilanci alla casa da gioco dell’enclave.

A fine 2015 il Casinò Campione d’Italia conferma il trend positivo che lo caratterizza dal 2012 chiudendo l’anno con oltre 95 milioni di euro (95.037.000) di proventi dei giochi, con il 4,9 per cento di aumento rispetto all’anno prima. Trenta milioni di euro circa, con un incremento dell’1,6 per cento, sono da ascrivere al segmento tavoli, 65 milioni al segmento slot machines, che ha registrato una crescita del 6,6 per cento. Un andamento cui ha apposto il sigillo il dato di dicembre: 9.038.000 euro di proventi, pari al 4,5 per cento in più rispetto al medesimo mese del 2014. E va segnalata la crescita del gioco online, il cui volume è passato da poco più di 100.000 euro nel 2014 a ben oltre 800.000 euro, grazie anche a un team aziendale specifico. Quanto agli ingressi, per la seconda volta nella ultraottantennale storia del Casinò campionese nel 2015 hanno superato quota 720.000 (721.768), appena sotto il primato (727.386) registrato l’anno prima.Casinò Campione Pagan 1

“Al di là della crescita del 2015, il dato più probante è sicuramente quello relativo alla straordinaria tenuta del fatturato aziendale in un contesto, di situazione specifica aziendale e di realtà del ‘sistema Campione’, difficilissimo” sottolinea l’amministratore delegato del Casinò, Carlo Pagan (nella foto), ribadendo che “dal 2012 la casa da gioco consegue proventi annuali superiori ai 90 milioni di euro mentre il settore del gioco negli stessi anni ha subito un crollo”.

Perciò Pagan tiene anche a esprimere “un grazie al sindaco, al team manageriale, ai lavoratori del Casinò Campione d’Italia per aver così strenuamente lottato per la continuità aziendale”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136