QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Campionato del mondo di mungitura a mano. Dopodomani l’evento a Lenna

venerdì, 26 settembre 2014

Lenna – Campionato del mondo di mungitura a mano. Domenica 28 settembre a Lenna (Bergamo) si svolgerà il trofeo “Formaggi Prìncipi delle Orobie” Secchio d’oro. Cinque Stati rappresentati, dalla Svizzera all’India, e sette regioni italiane. Otto donne tra i 48 concorrenti.

La sfida sarà tra 48 esperti mungitori, provenienti da cinque Stati e sette regioni italiane: dopodomani la secolare “arte” della mungitura a mano delle vacche avrà il suo re. A Lenna, in Val Bremmungitura 1bana (agriturismo Ferdy, località Fienili), si disputa la prima edizione del campionato del mondo. A contendersi il “Secchio d’oro” arriveranno dall’Italia (Val d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia,Trentino Alto Adige, Basilicata e Sicilia), dalla Romania, dall’Ucraina, dalla Svizzera e dall’India. Tra loro anche otto donne. Due i minuti a disposizione durante i quali i concorrenti (suddivisi in sei batterie) dovranno mungere più latte possibile dalla propria o dalla vacca messa a disposizione e sorteggiata dal comitato organizzatore.

Le proteste animaliste e il vero messaggio dell’evento
Le proteste della Lega antivivisezione di Bergamo, contraria alla gara, si sono in realtà ritorte contro la stessa associazione: è arrivato un coro unanime di approvazione della manifestazione. Evento che, per la prima volta nel suo genere, vuole essere proprio la celebrazione della mucca e non la sua umiliazione come sostengono gli animalisti. “Il campionato porterà all’attenzione del grande pubblico chi, con fatica e coraggio, custodisce una pratica antica e sana. Esaltare la mungitura a mano significa rendere omaggio a valori quali genuinità, libertà di pascolo e recupero di terreni abbandonati resa possibile proprio grazie a questa pratica”. Anche per questo il trofeo è stato intitolato ai “Formaggi principi delle Orobie”, il marchio che riunisce le sei eccellenze casearie orobiche, prodotte nell’ambiente incontaminato della montagna.

Controlli e antidoping
A garanzia della regolarità della gara, i controlli saranno rigorosi, sia su mungitori sia sulle vacche. Ciascun concorrente sarà seguito da un giudice di “mammella”, mentre le bovine verranno “isolate” un’ora prima della prova, per impedire la somministrazione di sostanze “dopanti”. Sul posto veterinari e cronometristi ufficiali. Nella giuria, presieduta dal presidente del Coni di Bergamo, Giuseppe Pezzoli, anche Provincia, Cai e Associazione allevatori.

Il Secchio d’oro al campione del mondo
Le vacche arriveranno all’arena entro le 8, il via della gara alle 10. Al termine, verso le 13, la cerimonia di premiazione: al vincitore andrà il “Secchio d’oro”, artistico secchio che ricorda l’arte del mungitore, e un buono valore da 3.500 euro, al secondo un buono da 1.500 euro e al terzo un buono da 1.000 euro. Al primo giovane (under 18) andrà il Premio della Regione Lombardia, una vitella di genetica superiore di razza Bruna alpina (dell’azienda Locatelli di Vedeseta). Per il pubblico sarà disponibile un bus navetta dal- l’area industriale di Lenna al campo gara (privo di posti auto).

Il Comitato organizzatore: Associazione Fiera San Matteo Branzi (Bergamo), Associazione manifestazioni agricole Val Serina (Bergamo), Associazione allevatori Bergamo. Patrocinio Regione Lombardia e Comune di Lenna.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136