QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Camera di Commercio di Trento e Bolzano, riunite le giunte e fatto il punto su Autonomia e collaborazione

venerdì, 24 febbraio 2017

Trento – A Palazzo Roccabruna si sono date appuntamento la Giunta della Camera di Commercio di Trento e quella di Bolzano per dare seguito alle riflessioni emerse nel corso dell’incontro “Dialoghi sull’autonomia”, organizzato lo scorso dicembre presso le Gallerie di Piedicastello dalla Fondazione Museo storico del Trentino HDRtist HDR - http://www.ohanaware.com/hdrtist/(Foto di Romano Magrone).

Giovanni Bort, Presidente dell’Ente camerale trentino ha spiegato come la recente chiusura dell’Unione regionale delle Camere di Commercio “ci abbia ulteriormente responsabilizzati rispetto alla necessità di procedere insieme. Ci ha fatto capire che solo uniti i nostri sistemi economici possono esprimere appieno i loro potenziali e quanto sia utile e conveniente per entrambi sviluppare alcune politiche di comune accordo e conservare un assetto coeso che ci metta nelle condizioni di pesare di più verso l’esterno”.

camere commercioL’affinità di fondo dei modelli produttivi di Trento e di Bolzano, infatti, da un lato differenzia l’area regionale nel suo complesso rispetto al contesto economico italiano e, dall’altro, la pone come territorio omogeneo nel più ampio quadro europeo.

“Le nostre province sono molto simili per dimensioni, per densità di popolazione e per storia. Abbiamo una regione che è all’avanguardia e all’apice in tutti gli indici di sviluppo. È nostro interesse unire gli sforzi per rappresentare gli interessi comuni del territorio e delle imprese ed estendere la collaborazione a livello di Euroregione, comprendendo anche Innsbruck”, ha aggiunto Michl Ebner, Presidente della Camera di Commercio di Bolzano.

In questo contesto, è stato messo in luce anche il ruolo rilevante che può assumere la Regione autonoma Trentino-Alto Adige, concepita come una comunità politica con funzioni di indirizzo e come una preziosa struttura di rete che già c’è e che deve, semmai, essere messa nella condizione di funzionare meglio. Il raccordo delle politiche di sviluppo, infatti, non può essere assicurato da “eventuali” rapporti di buon vicinato né è possibile lasciare un’istituzione di rilievo costituzionale e statutario in perenne crisi di identità.

Un prossimo evento comune promosso dalle due Camere sarà la manifestazione “Vignaioli di montagna” in programma a Palazzo Roccabruna il 29 aprile, durante il quale 15 vignaioli trentini e 15 vignaioli altoatesini proporranno in degustazione i loro vini.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136