QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Breno: Carlo Lucarelli al Teatro delle Ali con i ControCanti. L’Opera Buffa della Censura

venerdì, 1 dicembre 2017

Breno - Martedì 5 dicembre alle 20.30 l’autore Carlo Lucarelli andrà in scena al Teatro delle Ali di Breno con lo spettacolo ControCanti. L’Opera Buffa della censura, terzo degli otto appuntamenti della stagione 2017-2018 per il ciclo di prosa In Tournée. E il giorno successivo – mercoledì 6 dicembre alle 20.30 – lo spettacolo verrà replicato al Teatro Corallo di Villanuova sul Clisi all’interno del ciclo Altri Sguardi.

talkDopo lo spettacolo di Monica Guerritore – che ha inaugurato il ciclo di prosa del Teatro delle Ali nella serata di venerdì 10 novembre – e la Compagnia Teatrale I Guitti – esibitasi venerdì 24 con la commedia Tartufo o l’impostore – il palco del teatro brenese si trasforma nello scantinato pensato da Lucarelli per parlare di censura.

È proprio in uno scantinato, infatti, che si rifugiano due musicisti in fuga da una qualsiasi dittatura. Un poco cialtroni, i due si ritrovano a condividere lo spazio con uno scrittore, fuggito per motivi ben più seri. Il seminterrato – che ricorda un rifugio clandestino di epoca fascista con un vecchio microfono e una vecchia radio – si scopre essere il luogo da cui si denunciavano gli orrori tragicomici della censura dell’epoca. Con grande sorpresa di tutti, i tre realizzano che il microfono funziona ancora e che la censura ha continuato il suo stupido cammino. Inizia quindi un viaggio semiserio che si snoda tra misteri svelati dallo scrittore (interpretato da Lucarelli) e la musica di canzoni – spesso di sberleffo verso regimi di diversi tempi e luoghi – suonate dal vivo dai musicisti Marco Caronna e Alessandro Nidi, mentre un esterno si manifesta con rumori sinistri, ospiti inattesi fanno la loro comparsa e… la fuga continua.

Considerato come uno dei migliori giallisti italiani, Carlo Lucarelli (nato a Parma nel 1960) esordisce nel 1990 come scrittore con Carta Bianca e ha oggi all’attivo oltre 20 romanzi, diversi saggi e raccolte di racconti. Autore e conduttore, ha collaborato con la RAI, i canali Sky Arte HD e Crime Investigation. Due suoi personaggi, L’Ispettore Coliandro e Il commissario De Luca, sono approdati in TV dando il nome alle serie omonime di sceneggiati televisivi per la RAI. Ha inoltre scritto per la radio, per il teatro e ha anche pubblicato libri per ragazzi e per bambini. Nel 2010, con Giampiero Rigosi, Michele Cogo e Beatrice Renzi, ha fondato a Bologna Bottega Finzioni, la bottega in cui si impara il mestiere di raccontare.

Marco Caronna (nato a Oppido Lucano nel 1958) nel 1986 comincia a lavorare come chitarrista insieme ad artisti del calibro di Lucio Dalla, Antonello Venditti, Ron, Branduardi, Sergio Endrigo. Ha lavorato inoltre in ambito teatrale, radiofonico, pallavolistico, è autore del libro Le voci buie e del documentario Grandi corridori di corse in salita (fatto in collaborazione con l’Oncologia Pediatrica dell’Ospedale di Parma, dove si racconta l’esperienza di alcuni bambini ricoverati nel reparto). Con Carlo Lucarelli ed Alessandro Nidi ha già collaborato al tour di Il lato sinistro del cuore.

Alessandro Nidi è compositore, direttore d’orchestra e pianista. Finalista al concorso internazionale di direzione d’orchestra “Arturo Toscanini” nel 1985, Nidi ha collaborato con diverse realtà (tra le quali il Teatro Stabile e il Teatro delle Briciole di Parma e il Teatro dei Filodrammatici di Milano) e prestigiosi artisti e registi (tra cui Moni Ovadia). Per la Fondazione Toscanini (settore Educational) ha creato spettacoli musicali dedicati a bambini e ragazzi e viene chiamato dalle scuole a tenere conferenze e laboratori. Nella stagione 2006-2007 è stato direttore musicale, compositore e pianista del programma TV di Carlo Lucarelli Milonga Station.

Moni Ovadia, che di ControCanti è la voce fuori campo, è nato a Plovdiv in Bulgaria nel 1946 da una famiglia ebraico-sefardita. Dopo la Laurea in Scienze Politiche ha dato avvio alla sua carriera d’artista come ricercatore, cantante e interprete di musica etnica e popolare, avvicinandosi al teatro negli Anni Ottanta. Nel tempo Ovadia ha sviluppato una forma assolutamente peculiare di teatro che, come la sua vastissima produzione discografica e libraria, ha per filo conduttore il “vagabondaggio culturale e reale” proprio del popolo ebraico: un’immersione continua in lingue e suoni diversi, che le dittature del Novecento avrebbero voluto cancellare.

Regia: Marco Caronna

Direzione musicale: Alessandro Nidi

con Marco Caronna (voce e chitarra), Alessandro Nidi (pianoforte), Moni Ovadia (voce fuoricampo)

Biglietti

Platea: intero € 25 (ridotto € 22) – Galleria: intero € 20 (ridotto € 18)

Acquistabili ogni martedì, giovedì e venerdì non festivi dalle 17.00 alle 18.30 presso la biglietteria del teatro in via Maria SS. di Guadalupe, 5 a Breno (BS), oppure online su VivaTicket: http://www.vivaticket.it/ita/event/carlo-lucarelli-controcanti-l-opera-buffa-della-censura/105417


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136