QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Borsa Internazionale del Turismo Montano, le sfide delle aree protette trentine. Il programma eventi

mercoledì, 14 settembre 2016

Trento – Mobilità sostenibile e TurNat, le esperienze per vivere la montagna. Alla Borsa Internazionale del Turismo Montano, le nuove sfide delle aree protette trentine. Da domani (venerdì 16 settembre) a domenica 18 settembre a Trento e Rovereto si svolgerà la Borsa Internazionale del Turismo Montano-BITM, il focus di quest’anno è sul turismo giovanile, natura e vacanze responsabili. In quest’ambito il sistema delle aree protette del Trentino ha voce in capitolo e, da anni, offre diverse opportunità di riflessioni sul turismo di montagna, affrontando con attenzione gli impatti del turismo e cercando di favorire esperienze di turismo responsabile, inteso come modalità di vivere la vacanza nel rispetto della natura. Infatti saranno due le esperienze illustrate alla XVII° edizione della BITM: una curata dal Parco Adamello Brenta sulla mobilità sostenibile e l’altra racconterà l’esperienza di TurNat, la strategia di sviluppo sostenibile delle aree protette del Trentino.

parco-brenta-0

I Parchi e Reti di Riserve del Trentino sono una vera officina, laboratori capaci di reinventare modalità di vivere la montagna e gli spazi che essa offre. Per questo nel programma di forum e seminari della BITM, si racconteranno due importanti esperienze delle aree protette:

Nel seminario di sabato 17 settembre a Rovereto all’Urban Centre, dalle 9.30 alle 12.30, il Parco Adamello Brenta con Matteo Viviani illustrerà la sua esperienza sulla mobilità sostenibile. I progetti di mobilità ideati e promossi dal Parco sono stati inseriti, quali esempi di buone pratiche, nel rapporto sulla mobilità sostenibile nell’Arco alpino redatto da Alparc (Rete delle aree protette alpine). Con ben 10 linee di trasporto pubblico dedicato (dai bus ai trenini) che percorrono in un’estate oltre 80.000 km complessivi, il Parco trasporta 238.000 persone in luoghi fragili dal punto di vista ambientale.

Questo contribuisce a salvaguardarne la naturalità e giustifica il costo di oltre 300.000 Euro sostenuto dal Parco e dalle pubbliche amministrazioni.

Venerdì 16 settembre in Sala De Gasperi presso il Consorzio dei Comuni, Alessandro Bazzanella di tsm partecipa al convegno “Progettare lo spazio turistico” dalle 14.30 alle 19.00, per raccontare l’esperienza di TurNat – la strategia di sviluppo turistico sostenibile nelle aree protette del Trentino – con un intervento dal titolo “Sostenibilità, partecipazione, reti: il turismo nelle aree protette del Trentino.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136