QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Borno: il Parco delle Dolomiti camune è realtà. Il Plis Dolomiti punterà su ambiente, territorio e attività sportive

giovedì, 5 maggio 2016

B0rno – La Comunità Montana Valle Camonica ha dato il via libera al Parco delle Dolomiti camune, una nuova aree protetta definito Plis (Parco locale d’interesse sovraccomunale) che coinvolge i Comuni di Borno, Ossimo, Lozio, Malegno, Piancogno, Angolo, Darfo, Losine e Cerveno.

borno

I Consigli comunali avevano già dato il via libera e adesso è arrivato il parere positivo della Comunità Montana Valle Camonica all’’istituzione e gestione del parco, che coinvolge l’intera area della Concarena e la zona dolomitica della media e bassa Valle. Per garantire i primi passi non solo per realizzare uno studio completo sulla zona, ma anche per poter cofinanziare eventuali progetti e partecipare a bandi, ciascun Comune garantirà mille euro come quota fissa più una variabile di 25 centesimi per ogni abitante, raccogliendo dunque una somma di circa 20 mila euro, che la Comunità Montana raddoppierà con un pari stanziamento. L’obiettivo del Plis Dolomiti camune è lavorare insieme per migliorare la gestione del territorio, valorizzare l’ambiente e puntare a migliorare l’accesso turistico e le attività sportive, rafforzando il corridoio ecologico dell’area ed entrando nella Rete Natura della Valle Camonica. Il primo passo sarà uno studio di programmazione del parco, che prevederà la manutenzione straordinaria della viabilità rurale presente, il recupero dei terreni abbandonati e l’incentivo alla filiera bosco-legna. Il capofila del progetto Plis è la Comunità Montana, mentre l’ente gestore è il consorzio forestale Pizzo Camino.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136