QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Bolzano: analizzate le prestazioni dei sette ospedali della Provincia

mercoledì, 9 dicembre 2015

Bolzano – Sono state analizzate le prestazioni dei 7 ospedali della Provincia di Bolzano.  Nel Piano sanitario provinciale 2016-2020 sono state definite le prestazioni sanitarie che dovranno essere erogate nei 7 ospedali dell’Alto Adige

All’incontro organizzato dall’assessora provinciale alla sanità ed alle politiche sociali, Martha Stocker, e dal presidente della Provincia, Arno Kompatscher (a sinistra nella foto), hanno preso parte rappresentanti Arno Kompatscher 1politici, dirigenti del Dipartimento e dell’Azienda sanitaria provinciale.

Al centro dell’incontro i risultati preliminari ed i prossimi passi da fare nell’elaborazione dei profili delle prestazioni dei sette ospedali provinciali.

Questi aspetti rappresentano uno degli elementi fondamentali del Piano sanitario provinciale 2016-20, vero e proprio strumento strategico di programmazione per il futuro dell’assistenza sanitaria altoatesina. Nel corso dell’incontro il coordinatore del progetto, Wolfgang Bayer, ha illustrato lo stato dell”arte emerso dalle proposte formulate dai gruppi di lavoro composti da collaboratori ed esperti del settore sanitario.

I componenti del gruppo di progetto concordano sul fatto che vi sia unanimità rispetto alle prestazioni che dovranno essere erogate in futuro dalle strutture ospedaliere di base. La necessità della riorganizzazione nel settore dell’assistenza è ulteriormente confermata dalle forti carenze di medici e di operatori specializzati nel settore assistenziale e non ultimo dalla nuova regolamentazione imposta dall’Unione Europea per quanto riguarda l’orario di lavoro dei medici ospedalieri.

Oltre al già annunciato concorso per il reperimento di nuovi medici secondo gli esperti è assolutamente necessario introdurre un progetto di rotazione per mantenere il livello dei servizi. La dotazione tecnica delle strutture ospedaliere di base viene definita dagli esperti «molto buona, per assicurare le prestazioni assistenziali di base».

Nel corso della seduta si è parlato, tra l’altro, del progetto di un modello progressivo di assistenza a livello provinciale, nel quale in futuro rispettivamente due ospedali comprensoriali lavoreranno come «un unico ospedale con due sedi» e dovranno inoltre operare in stretta unione con l’ospedale provinciale di Bolzano.

È previsto inoltre che i sette ospedali si specializzino in una rete per offrire determinate prestazioni specialistiche e che in tutte le sedi vengano creati dei centri d’eccellenza.

La messa in sicurezza per il futuro dell’elevata qualità dell’assistenza medica è in armonia con le linee guida dell’obiettivo prioritario della riforma sanitaria approvate nel febbraio di quest’anno dalla Giunta provinciale.

Quest’obiettivo deve essere raggiunto mediante un’assistenza orientata alle esigenze dei pazienti così come ad un’assistenza interdisciplinare, vicina alle esigenze della popolazione e diffusa sul territorio.

Dopo la discussione con i responsabili politici ed i quadri dirigenti del Dipartimento sanità e dell’Azienda sanitaria, le proposte dovranno, in primo luogo, essere sottoposte ad un processo di risonanza e definite nei vari Comprensori, così come nell’ambito di un incontro a livello provinciale con gli specialisti della sanità.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136