QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Autostrada Val Trompia, la proposta di Legambiente sul contenzioso con la Salini

giovedì, 26 ottobre 2017

Brescia – Prosegue il confronto sulla questione autostrada Val Trompia, Legambiente propone di “rinegoziare il contenzioso con Salini”. Una proposta che potrebbe essere discussa nelle prossime settimane alla luce della presa di posizione dei vari partiti, associazioni e forze economiche.

ECCO IL DOCUMENTO DI LEGAMBIENTEPonte Narcanello 0

“L’aumento del 50% dei costi dell’autostrada Valtrompia, che blocca l’avvio dei lavori del primo lotto da Concesio a Sarezzo, è un problema che nessuno dei politici locali, ciecamente favorevoli all’infrastruttura, vuole affrontare.

Ammonta a circa 100 milioni il contenzioso tra Anas e il gruppo Salini, vincitore della gara del 2007, con un ribasso del 34% (155 milioni su una base d’asta di 235 milioni), che ora Salini, a 10 anni dall’affidamento, vuole rinegoziare. Sistematicamente i ribassi d’asta si concludono con un adeguamento, se non superamento, dei prezzi originali. E’ e’ un paradosso perche’ significa dare per scontato che il ribasso di gara si possa recuperare favorendo offerte stellari che non vengono poi mai rispettate.
L’Anas è a un bivio. Con 500 milioni di disavanzo e 9 miliardi di contenziosi pendenti sugli appalti già aggiudicati, si trova in una situazione drammatica. Nonostante l’enorme spesa, le condizioni delle strade, delle gallerie e soprattutto dei ponti sono pessime. Continuare così con buchi di bilancio e buche sulle strade è fallimentare. La buona notizia è che il nuovo amministratore delegato di Anas, Gianni Armani, su mandato del Governo, avrebbe deciso per la discontinuità: opporsi ad ogni revisione dei prezzi, puntando invece sulla gestione e manutenzione della rete esistente (contenuta nel Def del ministero delle infrastrutture). All’Anas sono stati girati 258 milioni dalla Serenissima in cambio della proroga della concessione fino al 2026. Un regalo dello Stato al concessionario della Brescia-Venezia. Proposta: Anas conceda al gruppo Salini “solo” i 155 milioni pattuiti dalla gara. Tale somma (visto che non basta per il lotto della Valtrompia) venga spesa per manutenere e mettere in sicurezza i 450 ponti (nella foto il ponte sul Narcanello a Ponte di Legno)  e i 40 km di gallerie del territorio bresciano. Questo sarebbe davvero un esempio virtuoso di autonomia nella gestione delle risorse per il territorio”.

Dario Balotta, responsabile trasporti Legambiente Lombardia


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136