QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Autostrada Val Trompia: Balotta (Legambiente) va all’attacco

sabato, 5 agosto 2017

Val Trompia – Il confronto sull’autostrada della Val Trompia è acceso. Politici, amministratori, imprenditori chiedono l’intervento del Governo, mentre le associazioni ambientaliste esultano.strada tangenziale statale anas

“Inutile piangere sul latte versato oggi l’autostrada Valtrompia (un lotto in galleria di pochi km) non serve proprio più. Le delocalizzazioni dalla Valtrompia sono già avvenute e non per colpa dell’assenza di 4,2 km di autostrada”.

Con queste parole Dario Balotta di Legambiente replica al presidente degli industriali bresciani Giuseppe Pasini. “Non è credibile che la competitività dell’acciaio dipenda da 5 minuti in più o in meno nei tempi di consegna del prodotto finito o nel ricevere il rottame in fonderia. La competitività delle acciaierie oggi dipende dalla loro capacità di stare nell’ambiente che le circonda senza inquinarlo e dalle tecnologie usate nel processo produttivo e quindi nella qualità del prodotto. Non è vero, inoltre, che ci sono i soldi i 258 milioni disponibili non bastano più perché c’è una revisione prezzi di almeno 50 milioni (il contenzioso tra il costruttore e l’Anas) a cui vanno aggiunti i costi della richiesta di modifica del tracciato dei comuni ( ed un altro sicuro allungamento dei tempi).

Pasini deve farsene una ragione la Valtrompia è finita su un binario morto e ci rimarrà. Oltre 300 milioni di euro per 4/5 km di autostrada per fronteggiare la domanda di 40 mila veicoli giornalieri (traffico di una provinciale), che già hanno una strada su cui transitare, sono davvero troppi. Sarebbe interessante vedere ciò che farebbe con questi numeri ed un debito da contrarre di almeno 50 milioni il presidente di AIB a parti invertite e se anziché dar vita ad uno spericolato progetto di 30 anni fa non riterrebbe prioritario usare i 258 milioni disponibili per tenere in efficienza e in sicurezza i duemila km di strade della ex provincia con i suoi 450 ponti e oltre 40 km di gallerie in precarie condizioni”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136