QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Assemblea dei soci della società autostradale A22, Rossi: “Sosteniamo un progetto di portata europea”

giovedì, 18 dicembre 2014

Trento – Un progetto da sostenere e realizzare in chiave europea. E’ il messaggio del presidente della Provincia di Trento, Ugo Rossi, intervenuto all’assemblea della Società autostradale A22. ”Stiamo sostenendo con forza un vero progetto europeo, perché concretizza la volontà di pensare in una logica integrata fra i vari sistemi di trasporto, cioè proprio quello che ci chiede l’Europa alla quale offriamo un servizio sostenibile, di qualità, in una parola: d’avanguardia”, in sintesi l’intervento del presidente della Regione e della Provincia autonoma di Trento, UgUgo_Rossi2o Rossi all’assemblea dei soci di A22 convocata per approvare le linee di indirizzo elaborate dalla Società in coerenza con la norma in materia di concessioni autostradali (legge 164/2014).

GLI INVESTIMENTI

Un lavoro accurato ed approfondito quello fatto dall’A22 per dar seguito agli impegni presi lo scortraffico autostrada trentinoso 25 settembre tra il ministro Lupi, i presidenti Rossi e Kompatscher ed i vertici di A22 per inserire la partita del rinnovo della concessione nel più ampio disegno che il Governo ha varato per “sbloccare l’Italia”. Gli approfondimenti, con relative simulazioni, hanno riguardato in particolare gli investimenti infrastrutturali, lo sviluppo delle politiche tariffarie proiettate su tutta la durata della concessione e la verifica sulla fattibilità di eventuali aggregazioni. Il tutto al vaglio della Commissione europea che dovrà pronunciarsi in merito alle ipotesi di rinnovo della concessione.

Rossi stamani ha espresso la condivisione delle azioni illustrate ed un plauso per il lavoro svolto dal consiglio di amministrazione di A22: “Siamo stati “apripista” rispetto ad un modello che è certamente utile a questa società, ma anche – più in generale – agli assetti autostradali che caratterizzano il nostro Paese. E questa è la via migliore per garantire valore ai nostri territori, in ragione del radicamento e della ricaduta degli interventi che qui si faranno, anche in un’ottica di qualità della vita oltre che di sviluppo. Ecco perché siamo determinati nel cercare, a tutti i livelli, di portare a buon fine questo progetto”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136