QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Arco, approvato l’accordo negoziale con la Dana Rexroth

sabato, 12 ottobre 2013

Arco – Su proposta dell’assessore all’industria, artigianato, commercio e cooperazione, la Giunta provinciale ha approvato definitivamente l’accordo negoziale, firmato nei giorni scorsi, con la società Dana Rexroth Transmission Systems di Arco frutto di una joint venture tra Dana Italia S.p.A. con sede e in Arco e la società Bosch Rexroth con sede in Cernusco sul Naviglio.Dana Rexroth

Il progetto prevede nel triennio 2012 – 2014 la realizzazione di prototipi d’ingranaggi e organi di trasmissione denominati “Hidromechanical Variable Transmissions Systems HTV R2″, per una spesa complessiva ammessa di circa 14,5 milioni di euro e con un contributo provinciale di oltre 4,8 milioni di euro ed un occupazione prevista nel 2015 di 45 unità lavorative annue che saliranno progressivamente fino a 67,5 nel 2019.

Il progetto di ricerca, che si innesta nel contesto del più ampio progetto di realizzazione del «Polo trentino della meccatronica», contribuisce anche al radicamento territoriale di Dana Italia S.p.A. attraverso un legame strategico con il gruppo Bosch fondato su competenze di altissimo livello e la realizzazionei di prodotti unici nel panorama competitivo di riferimento a livello globale.

Gli impegni occupazionali previsti dall’accordo riguardano sia Dana Italia s.p.a., sia la new.co Dana Rexroth Transmission Systems s.r.l. e si possono così riassumere:
per Dana Italia s.p.a.:
mantenimento negli stabilimenti trentini di almeno 500 unità lavorative annue (ULA) a tutto il 2013 e di almeno 600 ULA negli anni 2014 e 2015 (con una tolleranza in meno del 10%);
per Dana Rexroth Transmission Systems s.r.l.:
raggiungimento presso lo stabilimento di Arco nel 2015 (un anno dopo la conclusione del progetto di ricerca) di 45,5 ULA, elevato a 58 ULA nel 2016, a 60 ULA nel 2017, 63 ULA nel 2018, e a 67,5 ULA negli anni dal 2019 al 2021 (con una tolleranza del 10%).
Sono inoltre previsti impegni di natura fiscale e di utilizzo esclusivo dei risultati della ricerca nelle unità operative trentine.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136