QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Aprica: il CAI ripristina il “percorso del legno”. In arrivo dieci nuove bacheche

giovedì, 26 novembre 2015

Aprica – Il CAI Aprica ripristina il percorso del legno. Una promessa mantenuta. Le dieci nuove bacheche che ospiteranno gli altrettanti pannelli del percorso tematico “Il legno è vita” sono in fase di realizzazione. Il primo prototipo,  non ancora ultimato in quanto necessita di rifiniture, è già abbozzato nella sua struttura essenziale: robusti travi di larice incrociati sostengono il rettangolo espositivo di quasi un metro quadrato. Su di esso sarà fissato, sopra assi pure di resistente larice, ciascuno dei pannelli originali. Questi ultimi sono ancora in ottimo stato poiché in materiale metallico, mentre le bacheche originali erano in parte rovinate a terra causa il peso della neve gravante sul troppo ampio tetto. Del lavoraprica sentiero del legnoo si sta occupando l’impresa boschiva Neve & Verde.

Va anche ricordato che il percorso tematico di cui stiamo parlando, anche detto semplicemente “Percorso del Legno”, inizia poco a est dell’Agriturismo Magnolta (1950) e raggiunge il rifugio Valtellina (1920) in Palabione, passando nella parte centrale lungo una delle due piste di collegamento incrociate, che nella stagione estiva è divenuta il passaggio preferito tra l’una e l’altra zona alta di Aprica per la sua agevole percorribilità. Si parla, per il futuro, di rifare con criteri che ne consentano una più lunga durata, anche l’aia carbonile che si trova – ormai malridotta – in corrispondenza di una delle bacheche finali.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136