QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Aprica: grande folla alla festa alpina

domenica, 10 luglio 2016

Aprica – La festa degli alpini è la festa di tutti: amicizia, musica e preghiera, raccoglimento, salsicce fumanti con polenta all’annuale evento aprichese in onore degli alpini, vèci e bòcia, e soprattutto dei caduti di tutte delle guerre. alpini aprica 10

Autorità militari, religiose e civili, col vicesindaco Bruno Corvi, da sostituto primo cittadino, sono naturalmente in primo piano.

Raduno, come sempre di fronte al Palabione sotto il monumento ai Caduti, deposizione di una corona d’alloro, Silenzio e musiche patriottiche. Poi, in bell’ordine, sfilata per Corso Europa, Via Magnolta e Via Vecchio Mulino, dove splende insieme al sole di un caldo luglio, la bella sede del sodalizio aprichese.

Vice sindaco aprica 1

Il Gruppo Alpini Aprica fa ancora una volta le cose per bene, suscitando partecipazione e un po’ di giusto spirito patriottico, viatico anche le musiche suonate dalla Banda Musicale di Sonico, per l’occasione integrata da elementi aprichesi appartenenti al Corpo Musicale locale.

Belle scene lungo il percorso della sfilata, con bimbi con cappello alpino e bandierina tricolore. Don Claudio Rossatti con poche ferme parole ha ammutolito l’allegra compagnia, riunita sotto il tendone in attesa più che altro del rancio: “Il primo rischio in occasioni come questa – ha detto pacatamente, ma severamente – è la distrazione. E la prima regola per evitare la distrazione è il silenzio”. Dopo la messa, la solita allegria, canti, risa e lazzi, nel tipico e sano spirito alpino.

alpini aprica 20


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136