QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Aprica: dopo le nevicate al via ciaspolate, sci di fondo e scialpinismo

martedì, 9 febbraio 2016

Aprica – E’ arrivata la neve e ad Aprica prendono il via anche tutte le attività (extra sci-discesa) legate alla neve che erano rimaste in parte limitate o bloccate dall’’assenza del manto nevoso naturale fino ad una certa quota. Per quanto riguarda Aprica, sono quindi rilanciate le ciaspolate del CAI, le piste da fondo di Piangembro e Trivigno e lo sci-alpinismo.Tumèl - ft.archivio

Riguardo a quest’ultimo, il presidente CAI Aprica Marco Negri indica tra i migliori percorsi il sentiero sci-alpinistico del Tumèl (Aprica-Magnolta), “ben innevato, con traccia battuta e paesaggio incantato.”

Si ricorda che il sentiero di sci-alpinismo del Tumèl (nella foto) è a tutti gli effetti un itinerario “fuori pista”. Chi lo percorre deve attenersi alla normativa vigente: “L.R. 1° ottobre 2014 , n. 26 - Norme per la promozione e lo sviluppo delle attività motorie e sportive, dell’impiantistica sportiva e per l’esercizio delle professioni sportive inerenti alla montagna.” In particolare, il comma 3 dell’articolo 14 impone che “gli sciatori fuori pista, gli escursionisti d’alta quota e gli sci-alpinisti devono inoltre munirsi di appositi attrezzi e sistemi elettronici per consentire un più facile tracciamento e il conseguente intervento di soccorso.” La violazione di tale disposizione comporta l’applicazione di una sanzione da 25 a 250 euro.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136