QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Apre il cantiere della circonvallazione di Pieve di Bono sulla statale del Caffaro

mercoledì, 30 luglio 2014

Pieve di Bono – Al via i lavori per realizzare la circonvallazione sulla statale del Caffaro, nel comune di Pieve di Bono, tra Cologna e il bivio per Daone. Sono stati consegnati i lavori di progettazione esecutiva e realizzazione della circonvallazione sulla strada statale 237 del Caffaro nel Comune di Pieve di Bono (Trento) , nel tratto tra il chilometro 71.100 (Cologna) e il chilometro 75.000 (bivio per Daone). La soluzione progettuale individuata si sviluppa principalmente sulla sinistra orografica del torrente Adanà. Gli appaltatori procederanno alle operazioni di cantierizzazione e di indagine, in vista della progettazione esecutiva dell’intervento la cui durata è prevista in 120 giorni. Ad approvazione del progetto si procederà con i lavori per i quali è previsto il termine di 787 giorni. La spesa complessiva prevista è di euro 41 milioni di euro.

L’intervento ha inizio ai Forti di Lardaro, subito dopo il nuovo svincolo per la strada provinciale 27 di Val Daonlavori strade cartellonie, si abbassa quasi subito in affiancamento alla statale 237 esistente fino a raggiungere l’alveo del torrente Adanà che è scavalcato con un viadotto della lunghezza di 162 metri. Il tracciato prosegue poi su un terrazzamento naturale esteso, in sinistra idrografica del torrente fino al nuovo svincolo per la zona industriale di Creto e per l’abitato di Por. Successivamente si trova l’imbocco nord (lato Trento) della galleria naturale Castel Romano, che si sviluppa per mille metri circa e termina in direzione Brescia, in una rotatoria di svincolo, innestandosi nuovamente nella Statale 237 prima dell’abitato di Cologna. Lo sviluppo totale del tracciato risulta così di 3760 metri. I lavori saranno realizzati senza interruzione del traffico lungo la strada statale con la creazione di deviazioni provvisorie. Il progetto definitivo posto a base di gara è stato firmato dall’ingegner Stefano De Vigili.

DATI TECNICO – AMMINISTRATIVI
Direttore dei Lavori: ingegner Paolo Nicolussi Paolaz
Coordinatore della Sicurezza in fase di progettazione : ingegner Michele Martinelli
Coordinatore della Sicurezza in fase di Esecuzione: ingegner Fabio Dorigatti
Responsabile Unico di Procedimento: ingegner Luciano Martorano
Impresa Appaltatrice: A.T.I. COLLINI LAVORI S.P.A. con sede in Trento (capogruppo), COSTRUZIONI CASAROTTO S.R.L. con sede in Villa Agnedo (TN), MISCONEL S.R.L. con sede legale in Cavalese (TN), via Pizzegoda n. 3, EDILTIONE S.P.A. con sede in Tione (TN) via del Foro n. 4/A
Costo complessivo dell’opera: 41.000.000 euro, di cui per lavori a base d’asta 32.383.094 euro.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136