QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Covelo: aperto il cantiere sulla Provinciale tra Garniga e Cimone. L’intervento dell’assessore Gilmozzi

lunedì, 24 marzo 2014

Covelo – Aperto il cantiere sulla Provinciale 25, all’altezza di Covelo. L’assessore provinciale ai lavori pubblici Mauro Gilmozzi ha ufficialmente aperto il cantiere che sistemerà e allargherà la provinciale 25 di Garniga nei pressi dell’abitato di Covelo. All’inaugurazione dei lavori erano presenti anche i rappresentanti delle Amministrazioni di Garniga Terme e di Cimone, i funzionari del Servizio Opere stradali e ferroviarie e i titolari dell’impresa aggiudicataria. Nel corso del suo intervento, l’assessore Mauro Gilmozzi ha ricordato quanto sia importante che la montagna trentina sia abitata: “È un vanto specifico della nostra autonomia – ha tra l’altro detto l’assessore, – quello di aver saputo assicurare alle persone che vivono in montagna servizi e infrastrutture adeguati, e questo perché noi pensiamo che la montagna abitata dall’uomo sia l’unico modo per conservare e valorizzare l’enorme patrimonio naturalistico che il Trentino possiede. Non mi nascondo tuttavia che, a causa della difficile epoca che stiamo vivendo, questa strategia deve oggi fare i conti con un notevole restringimento di risorse e questo, ad esempio, rende più complicato individuare quali siano i progetti infrastrutturali prioritari da realizzare”.

 L’ASSESSORE GILMOZZIDSCN0446

“Sono comunque felice che l’appalto per quest’opera importante sia stato vinto da un’impresa trentina – ha proseguito Gilmozzi: – è un riconoscimento che le ditte locali possono essere concorrenziali sul mercato, nonché un modo per far tornare sul territorio le risorse pubbliche destinate alle infrastrutture. È grazie ad interventi come quello di oggi e agli altri previsto per il prossimo futuro, sulla base delle risorse a disposizione, che vogliamo rafforzare il tessuto economico, ma anche umano e sociale, cercando di migliorare laddove ci è possibile una rete infrastrutturale che produce non solo benessere e progresso – ha concluso l’assessore, – ma anche coesione e senso di appartenenza”.

I LAVORI 

Il cantiere interessa un tratto di strada che percorre una zona particolarmente impervia sul versante sud-orientale del monte Bondone: la nuova sede stradale, secondo il progetto, consentirà una circolazione agevole nei due sensi di marcia lungo l’intero tratto su cui si interviene.  La durata contrattuale dei lavori è di 524 giorni a partire da oggi. L’importo complessivo dell’opera è di 3.845.000 euro. I lavori sono stati affidati all’Impresa Lago Rosso Società Cooperativa di Tassullo per un importo di 2.390.468,96 euro, al netto del ribasso medio percentuale del 22,204%. L’intervento di allargamento è costituito da ben trenta interventi che interessano un tratto di strada di circa 1,4 km nei pressi dell’abitato di Covelo di Cimone e saranno organizzati per fasi, in modo da minimizzare il più possibile i disagi al pubblico transito. La piattaforma stradale avrà una larghezza complessiva pari a 6 metri e mezzo, significativamente superiore a quella attuale. Lungo la tratta all’interno del centro abitato di Covelo è prevista inoltre la realizzazione di un marciapiede pedonale. Il progetto esecutivo è stato redatto dall’ingegnere Paolo Nicolussi Paolaz, del Servizio Opere stradali e ferroviarie con il supporto alla progettazione dell’ingegner Edoardo Iob dello studio Ingegneri Consulenti Associati di Trento. La direzione dei lavori è stata affidata all’ingegner Matteo Pravda del Servizio Opere stradali e ferroviarie della Provincia autonoma di Trento; il coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione è stato affidato all’ingegner Raffaele Ferrari, dello studio Ingegneri Consulenti Associati di Trento. Il responsabile del procedimento è l’ingegner Luciano Martorano, dirigente del Servizio Opere stradali e ferroviarie della Provincia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136