QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Anche in Trentino la campagna educativa della Polizia “Una vita da social”

martedì, 6 maggio 2014

Trento – Riscuote sempre più successo la più importante ed imponente campagna educativa itinerante che sia mai stata realizzata al mondo da un Organismo di Polizia in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sulla sensibilizzazione e prevenzione sui rischi e pericoli dei social network e del Cyber bullismo.polizia_4_7 

Per la prima volta in assoluto Aziende come Facebook, Fastweb, Google, H3G, Libero, Microsoft, Poste Italiane, Telecom Italia, Norton by Symantec, Skuola.net, Vodafone, Virgilio, Wind, Youtube, Radio Italia, Consorzio Gruppo Eventi e adesso anche Cisco Italia insieme alla Polizia di Stato per un solo grande obiettivo: rendere la rete sempre più sicura dopo i gravissimi recenti episodi di cronaca culminati con il suicidio di alcuni adolescenti ed il dilagante fenomeno del cyber bullismo e di tutte le varie forme di prevaricazione connesse ad un uso distorto delle tecnologie.

Un progetto al passo con i tempi, dei social network e delle nuove generazioni, che raccoglie consensi lungo tutto lo stivale, perché permette di conoscere le opportunità del web e suggerisce regole e modalità d’uso per evitare di cadere nelle tante trappole della rete internet; il giro d’Italia si arricchisce di cinque nuove tappe (Terni, Firenze Festival dei bambini, Pederobba (TV), Monza Brianza e Verres) e nuovi partner.

L’iniziativa Una Vita da Social partita lo scorso gennaio da Roma ha raggiunto Firenze, Livorno, Pisa, Genova, Olbia, Nuoro, Cagliari Enna, Palermo, Catania, Reggio Calabria, Cosenza , Bari, , Matera, Potenza, Salerno, Napoli, Campobasso, Pescara, L’Aquila, Perugia, Terni, Ancona, Pesaro Urbino, Rimini, Bologna, Padova, Venezia, Pederobba (TV), Trieste, e finalmente il 9 e 10 maggio a Trento, seguirà successivamente a Monza Brianza, Aosta, Verres, Torino e Milano, ove si concluderà in piazza castello con un “live” a sorpresa a fine maggio.
L’iniziativa non poteva non prevedere una pagina FB “Una vita da social” -www.facebook.com/unavitadasocial – ed un profilo Twitter – @unavitadasocial , dove i giovani internauti potranno postare le proprie impressioni e suggerimenti.
Il TIR approderà a Trento in piazza Mostra il 9 maggio dalle 8.30 alle 16.00 e sabato 10 maggio dalle 8.30 alle 13.00
Per l’occasione anche il noto comico Lucio Gardin darà un suo personale contributo con un inedito videoclip dedicato ai pericoli nella rete.

Sempre mediante videoclip sarà lanciato anche un messaggio dal gruppo musicale rock The Bastard Son of Dioniso
Sul territorio provinciale l’evento è promosso anche con la collaborazione dell’Agenzia provinciale per la famiglia e il Centro Studi Erickson grazie ai quali è stato possibile arricchire l’attività con ulteriori proposte

rivolte non solo ai ragazzi ma anche ai genitori. In particolare, per gli studenti, sono previsti , nel corso delle 2 giornate, anche dei laboratori offerti da membri del Tavolo di lavoro per l’educazione alla cittadinanza digitale. Il 9 maggio alle ore 20.30 presso la sala Wolf del Palazzo della Provincia , in piazza Dante è prevista una serata informativa rivolta a genitori ed educatori.

PROGRAMMA della serata
Saluti
Tiziana Pagnozzi, Polizia postale
Sara Ferrari, Assessora all’università e ricerca, politiche giovanili, pari opportunità, cooperazione allo sviluppo
Introduzione ai lavori e moderazione della serata
Mauro Berti, Polizia postale
Relatori
Una vita da, con e nei social? Mamma e papà: facebookiamoci!
Michele Facci, psicologo e formatore del Centro Studi Erickson di Trento
Genitori al tempo dei social. Edu-care come?
Genitori 2.0, ovvero la necessità di accompagnare. L’arte di Edu-Care con la C: conoscere, comprendere, condividere, comunicare, controllare
Giuseppe Maiolo, psicanalista e formatore del Centro Studi Erickson di Trento


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136